Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, a Zafferana ancora emergenza cenere
«C'è chi rischia la vita sul tetto e chi paga»

Dopo la pioggia di sabbia vulcanica lo scorso fine settimana, non è ancora del tutto rientrato l'allarme nel Comune etneo tra i più colpiti. Se le strade principali, di pertinenza dell'amministrazione, sono già sgombre e le squadre comunali continuano il lavoro, più difficile è la situazione dei privati. Con tetti e terrazze invase dalla cenere. Tra chi pulisce da solo, rischiando di farsi male, e chi si affida ai professionisti - più o meno autorizzati - dal conto salato. Guarda le foto

Claudia Campese

«Pulitura cortili e terrazze, anche con tegole, da sabbia vulcanica». Tariffa: 10 euro l'ora. «L'emergenza cenere dell'Etna nel Comune di Zafferana ha portato anche alla creazione di nuove figure professionali porta a porta», scherza Giuseppe Distefano presidente dell'associazione Etna Walk. Nel suo giro per il paesino etneo, macchina fotografica alla mano, ha incontrato cittadini e volontari, tutti intenti a ripulire le proprie case dalla terra nera caduta in quantità la scorsa settimana. «E ho visto gente in difficoltà - racconta - Quasi tutti sui tetti di casa propria per cercare di pulirli. Un'operazione soprattutto pericolosa». E, per chi non volesse fare da solo, anche costosa.

Le operazioni di pulizia a Zafferana Etnea (foto di Giuseppe Distefano)

«Rispetto ai Comuni vicini qui è il paradiso - raccontano dal bar pasticceria Nonna Peppina, in pieno centro - Ma i cittadini, per il tetto di casa propria, si sono dovuti rassegnare a spendere 500 euro». Una cifra che non tutti possono permettersi. E per questo c'è chi pensa a fare concorrenza, rischiando altrettanto di farsi male. «Girano in squadre di due, tre persone, con un camion - spiega Giuseppe Distefano - Salgono sui tetti e usano una specie di aspirapolvere al contrario, che soffia la cenere giù». Stesso metodo, seppur con mezzi ancora meno sofisticati, usato dai residenti. «C'era chi gettava interi secchi di sabbia nera giù per la strada». Di pertinenza del Comune.

Che, da parte sua, ha già quasi terminato la pulizia straordinaria. Almeno quella delle strade principali. «In questi giorni ho incontrato diverse squadre al lavoro - dice Giuseppe Distefano - Aiutate anche dai volontari della protezione civile e di diverse associazioni». «Il paese è quasi tutto pulito - conferma una residente, proprietaria dell'Antica dolceria dell'Etna - Devo dire che gli interventi del Comune sono stati tempestivi, solo qualche via secondaria è ancora sporca». Ma non si contano i danni. «A un mio amico il materiale lavico, più pietre che cenere, ha spaccato il vetro delle finestre della mansarda», racconta Distefano. «Tutte le auto che in quel momento erano posteggiate in strada hanno la carrozzeria rovinata. Alcune anche i vetri rotti», aggiungono i cittadini. E ad essere coinvolte non sono solo le abitazioni. «Pensate ai giardini e alle colture - dice la signora della pasticceria - I prodotti sono inutilizzabili perché ricoperti di cenere». Non sempre salutare, soprattutto per la possibile presenza di sostanze radioattive.

«L'altro problema sarà adesso lo smaltimento di questo materiale - spiega Giuseppe Distefano - Anche volendolo riutilizzare, andrebbe setacciato per togliere i frammenti di plastica e vetro presenti». Più probabilmente, la cenere verrà abbandonata in qualche campo. «Cosa che al momento è inutile, perché la terra è sterile - conclude Distefano - Ma tra dieci anni sarà un ottimo fertilizzante».

[Foto di Giuseppe Distefano - Etna Walk]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×