Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascalucia, arriva la terza ditta dei rifiuti in un anno
Il «thriller giuridico» dietro l'affidamento alla Cogeir

L'azienda non ha partecipato alla gara, ma si è aggiudicata la gestione dei servizi ecologici come sostituta di Tech, colpita da interdittiva antimafia. Il legale: «Scelta legittima del Comune». A storcere il naso è Progitec, arrivata seconda

Gabriele Patti

Foto di: Ben Neale

Foto di: Ben Neale

Mosema, Tech-Servizi e adesso Cogeir. Nel giro di un anno il Comune di Mascalucia ha cambiato tre ditte per la gestione del servizio di raccolta dei rifiuti. La prima messa in liquidazione e poi fallita, la seconda colpita - a febbraio 2020 - da interdittiva antimafia, mentre la terza è la Cogeir. Quest'ultima è la ditta esterna indicata da Impregico srl (mandante del raggruppamento temporaneo di imprese che ha vinto la gara settennale) come sostituta di Tech, cioè l'azienda a cui è stato revocato l’appalto dei rifiuti dopo il provvedimento della prefettura di Siracusa. A tenere banco a Mascalucia è anche il possibile passaggio dei lavoratori da Tech a Cogeir, operazione che se andasse in porto costituirebbe il secondo trasferimento di dipendenti da una ditta all’altra in dodici mesi. In mezzo ci sono due ricorsi (al Tar e al Cga) e quattro pronunce dei giudici amministrativi, di cui tre reputano legittima la sostituzione. 

La storia è travagliata al punto da preoccupare persino gli addetti ai lavori. «Io rappresento l’organo politico e di vigilanza - commenta l'assessore ai Rifiuti Alessio Cardì, contattato al telefono da MeridioNews - non me ne sono occupato, ringraziando il cielo ne sono stato e ne starò anni luce lontano». A Mascalucia il clima non è dei più tranquilli, anche considerando le recenti inchieste - OverTrade e Malupassu - che hanno acceso i riflettori sui presunti interessi mafiosi che si celerebbero dietro alcune assunzioni nel settore dei rifiuti. 

Il « thriller giuridico», come viene definito tra i corridoi del palazzo comunale di piazza Leonardo Da Vinci, ha inizio l'1 febbraio scorso. Quel giorno l’amministrazione, dopo la messa in liquidazione della partecipata Mosema e l’espletamento della gara settennale tramite l’Urega di Catania, affida la gestione dei rifiuti all'associazione temporanea d'imprese (Ati) composta dalla Impregico di Taranto e dalla Tech Servizi di Floridia. Trascorsi appena venti giorni scatta l’interdittiva antimafia per l'azienda siciliana, che si rivolge al tribunale amministrativo per ottenere la sospensione del provvedimento. Il 10 marzo, nelle more del giudizio, il Tar accoglie la sospensiva. «Da questo momento in poi - spiega a MeridioNews il responsabile del procedimento Alfio Gibilisco - la società è in bonis», ovvero è autorizzata a proseguire le attività nei confronti di enti pubblici. Lo rimane però solo fino al 29 aprile quando l’interdittiva diventa definitiva.

L'esito impone all’amministrazione di Mascalucia di revocare l’appalto e procedere a un nuovo affidamento alla seconda società in graduatoria oppure alla sostituzione dell’azienda interdetta con un'altra mandataria della Impregico. «Noi ci siamo rivolti alla Impregico per la sostituzione - spiega Gibilisco -, l’azienda tuttavia ha risposto con una nota, che dal Cga viene definita interlocutoria, ma che io ho ritenuto definitiva».

Così il Comune decide di fare scorrere la graduatoria assegnando l'appalto alla seconda arrivata, la Progitec. Decisione che ha come ripercussione un nuovo ricorso al Tar, stavolta da parte di Impregico. In un primo momento il tribunale amministrativo dà il via libera alla scelta del Comune, ma è poi il Cga a ribaltare il giudizio accogliendo le ragioni della ditta che aveva vinto la gara. A questo punto, l'amministrazione torna sui propri passi e affida definitivamente il servizio di smaltimento e raccolta dei rifiuti a Cogeir Costruzioni e Gestioni srl di Brindisi (ditta che Impregico ha indicato come sostituta di Tech).

A pagarne lo scotto è la Progitec di Castel di Iudica. «Hanno sostituito un’azienda dell’Ati con un'altra esterna in violazione di tutte le normative», sostiene Giuseppe Sarpi, amministratore di Progitec. «Il perdurante utilizzo da parte di Cogeir dei mezzi di Tech», per Sarpi sarebbe un modo come un altro, «per fare entrare l’interdittiva dalla porta e farla uscire dalla finestra». All’atto d’accusa replica l’amministratore unico di Cogeir Vincenzo Francavilla. «Siamo un’azienda esterna - ammette -, ma i mezzi che stiamo utilizzando non sono di Tech». Stando alle ricostruzione di Cogeir i veicoli per lo spazzamento delle strade sarebbero a noleggio, ma da un’altra azienda e cioè la Ecoger. Sul passaggio dei lavoratori tra le due ditte, se dal Comune sostengono che il passaggio ci sia stato: «Non ne sono certo, ma mi sembra di sì», risponde il rup Alfio Gibilisco, Francavilla non si espone ma apre all'assorbimento: «Per il momento non c’è alcuna iniziativa - ha detto l'amministratore contattato telefonicamente da MeridioNews nelle scorse settimane -, anche se prevediamo di assorbire tutto il personale destinato alla raccolta porta a porta dei rifiuti». 

Nel frattempo a palazzo comunale è tempo di rimpasto. Due, per il momento, gli assessori sostituiti: Antonella Rita Cinardo (Fi) è subentrata al posto dell'assessora al bilancio Sonia Grasso e Salvatore Licciardello ha preso il posto di Pietro Amantia, fino a questo momento assessore alla protezione civile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×