Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La situazione di Ferrovia Circumetnea sul tavolo regionale
Sindacati: «Serve conoscere piano industriale dell'azienda»

I vertici di Fce e le sigle sindacali si incontreranno lunedì prossimo davanti all'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. «Andremo solo per garbo - dicono a MeridioNews dalla Filt Cgil - ma chiediamo un incontro con il ministero dei Trasporti»

Marta Silvestre

Foto di: ferrovia circumetnea

Foto di: ferrovia circumetnea

I vertici aziendali di Ferrovia Circumetnea e i sindacati siederanno allo stesso tavolo convocato dall'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone per lunedì prossimo al Palazzo della Regione di Catania. Una riunione che fa seguito a un primo incontro tecnico che si è tenuto lo scorso lunedì. «Ci siamo fatti carico delle preoccupazioni di sindacati, lavoratori e utenti. Vogliamo capire - ha detto l'assessore Falcone - quali sono le variazioni sulle tratte extraurbane e quali sono i punti di forza e di debolezza del nuovo piano tariffario». Sull'azienda che si occupa di trasporto pubblico locale non è un mistero che la pandemia dovuta al Covid-19 abbia avuto un effetto pesante, tanto che il direttore tecnico di Fce Salvatore Fiore aveva parlato di un «crollo totale» della domanda e dei ricavi. 

«L'assessore ha chiesto un incontro per essere messo al corrente di quello che sta succedendo - spiega Fiore a MeridioNews - perché era passata l'idea che tra le nostre intenzioni ci fosse quella di ridurre i servizi». In particolare sulla tratta Catania-Riposto e anche dal lato opposto su quella verso Adrano. «Non è previsto nessun cambiamento di questo tipo - assicura il direttore tecnico di Fce - Semplicemente in funzione dell'attuale andamento della domanda, interrompiamo il servizio su ferro alle 18 sostituendolo con quello su gomma». Autobus al posto dei treni per ottimizzare i costi. «Per fare circolare un treno - spiega Fiore - ci vogliono tra le 20 e le 30 persone, mentre per un bus è sufficiente l'autista. Ci sembra l'unico modo per superare questo periodo in cui - ammette - abbiamo registrato oltre un 30 per cento di riduzione della domanda». Una soluzione temporanea che «andrà rivista con l'apertura delle scuole che, speriamo, ci faccia tornare ai flussi pre-Covid», auspica il direttore di Fce

Una situazione che comunque non impatterebbe in modo determinante sui lavoratori. «Limiteremo solo le prestazioni straordinarie - afferma Fiore - Ma garantiremo i livelli occupazionali e la corresponsione degli stipendi, così come abbiamo fatto anche durante il periodo del lockdown. Nessuno dei dipendenti è stato messo in cassa integrazione». Intanto, da Fce confermano pure l'interesse per gli investimenti su ferro: non solo binari e tecnologie ma anche «l'acquisto appena effettuato di sette nuovi treni - dichiara Fiore - per un totale che si aggira attorno ai 40 milioni di euro». 

I sindacati siederanno al tavolo regionale «più per una questione di garbo e di forma - dice Alessandro Grasso della Filt Cgil di Catania - ma non perché siamo convinti che possa essere un incontro risolutivo. Con la Regione - precisa il sindacalista - possiamo parlare di tematiche generali ma non certo dell'organizzazione di un'azienda ministeriale». È per questo che le single sindacali hanno avanzato la richiesta di un incontro con il gestore, cioè il ministero dei Trasporti, incassando la disponibilità da parte di Fce. «Vorremmo capire qual è il piano industriale dell'azienda e quali sono gli investimenti previsti perché - sottolinea Grasso - è vero che, al momento, non c'è il rischio che i lavoratori perdano il posto ma abbiamo comunque qualche preoccupazione per il futuro. Per questo - conclude il sindacalista - monitoreremo la situazione per verificare se l'azienda terrà fede agli impegni presi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×