Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Al Bastione degli infetti un evento per la Cultura inFesta
«Il Covid non può essere solo una questione sanitaria»

L'iniziativa organizzata da CoseControvento ha il senso di «riportare la cultura a offrirsi in piazza», spiega Enrico Iachello che è uno degli ideatori. «Non vogliamo ignorare, negare o dimenticare il coronavirus ma elaborare una visione complessiva», dicono

Redazione

«Cultura inFesta. Libera nos a Covid». È questo il titolo dell'evento organizzato per giovedì 10 settembre al Bastione degli Infetti da CoseControvento. «Un evento in cui protagonista è la cultura che torna a esporsi e a offrirsi in piazza dopo lo stop dovuto al coronavirus», spiega a MeridioNews Enrico Iachello che è uno degli ideatori e organizzatori. 

«I saperi umanistici e artistici sono stati zittiti dall'emergenza. Una pandemia, per lo stravolgimento complessivo che provoca, non può essere affrontata senza cultura». Per questo si sono messi insieme studiosi, storici, poeti, artisti, musicisti per organizzare Cultura inFesta. «Non vogliamo fare una festa contro il Covid o per ignorarlo, negarlo o dimenticarlo - ci tiene a sottolineare Iachello - Il senso di quello che stiamo facendo è soprattutto mettere in luce che il virus non è una questione che può riguardare solo l'aspetto sanitario perché rimette in discussione anche la vita sociale e politica della comunità». 

La pandemia dovuta al nuovo coronavirus e le necessarie misure restrittive che sono seguite «hanno ridisegnato anche i nostri rapporti sociali. Per questo - aggiunge Iachello - la cultura deve cominciare a riflettere sul problema della convivenza con questo virus e anche con l'eventualità di altri che verranno in futuro. Il punto di equilibrio a cui mirare sarebbe quello di elaborare una visione complessiva della questione riuscendo a non esporsi in modo avventuristico ma senza rinunciare alla libertà». 

Nel pomeriggio di domani, intanto, il Bastione degli Infetti accoglierà l'evento che si aprirà con la benedizione di don Pietro Belluso e il racconto dalla storica del cristianesimo Arianna Rotondo. «Una benedizione per tutti, credenti e non, perché anche la religione è cultura», afferma l'ideatore. La neonatologa Ninni Decembrino farà poi una Riflessione per la vita; mentre sarà Francesco Grasso, meglio conosciuto come Franchina - la nota sex worker del quartiere San Berillo di Catania - ad approfondire il rapporto tra sesso e religione

Altri protagonisti della serata saranno Marilina Giaquinta e Vincenzo Virgillito con una performance poetico-musicale e Anna Aiello con la leggenda moresca. Le musiche saranno a cura di Riccardo Insolia e Carmelo Dell'Acqua, mentre le poesie saranno curate da Daniela Orlando. Chiuderà la serata la proiezione delle fotografie di Fabrizio Villa con Quanto resta della notte?. Immagini che «danno forma a quel che abbiamo vissuto indicando nella bellezza la via della ripresa», concludono da CoseControvento

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×