Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Grammichele, amianto sotterrato vicino a bene confiscato
Un anno fa nella stessa area scoppiò il caso delle fumarole

La scorsa settimana il personale dell'Arpa ha effettuato un sopralluogo in contrada Valverde. Il terreno privato si trova accanto a quello che un tempo fu di Sebastiano Giarrusso, condannato per tentata estorsione e vicino al clan di Caltagirone

Simone Olivelli

Foto di: InfoBuild

Foto di: InfoBuild

Non solo scarti edilizi, ma anche amianto. Potrebbe esserci questo nell'area di contrada Valverde, a Grammichele, dove la settimana scorsa il personale dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ha effettuato una serie di scavi e prelievi. I controlli, che rientrano in un procedimento penale aperto dalla procura, hanno riguardato la zona che già a fine 2019 era finita al centro delle cronache per la presenza di fumi provenienti dal sottosuolo. Un fenomeno che aveva portato il sindaco Giuseppe Purpora anche a chiudere per un periodo il plesso scolastico di Piano Immacolata. 

Stando a quanto verificato da MeridioNews, gli scavi hanno portato alla luce anche materiale di piccole dimensioni che potrebbe essere eternit. Un'ipotesi che attende la conferma delle analisi dei laboratori, ma che è sufficiente a riaccendere l'attenzione sul rischio inquinamento in contrada Valverde. Nella zona si trova anche il centro comunale di raccolta. Ma gli immobili interessati dagli accertamenti sono due: uno privato, l'altro da qualche anno passato sotto la gestione statale dopo che il tribunale di Catania ne ha decretato la confisca definitiva

Quest'ultimo in passato era stato di proprietà di Sebastiano Giarrusso, 57enne attivo nel settore del movimento terra condannato in via definitiva per una tentata estorsione a un imprenditore a metà anni Duemila. In quella vicenda emersero i rapporti di Giarrusso con Massimo Oliva e Giovanni Buscemi, entrambi legati alla famiglia mafiosa di Caltagirone e condannati in via definitiva a 12 anni nel processo Iblis. L'immobile oggi fa parte del patrimonio dell'Agenzia nazionale dei beni confiscati, che nei mesi scorsi ha avuto un'interlocuzione con il Comune di Grammichele per la cessione del bene all'ente locale. Nel fascicolo aperto in procura l'Agenzia sarebbe tra le parti offese. Resta invece da capire quanti dei rifiuti pericolosi interrati si trovino anche nell'area confiscata. In particolare l'attenzione sarebbe rivolta a un pozzo. Per adesso, infatti, i sospetti maggiori riguardano un terreno adiacente al bene confiscato. Di proprietà privata, lo stesso sarebbe stato oggetto di un preliminare di vendita in cui l'acquirente è la figlia di Giarrusso

La presenza dei materiali di risulta in contrada Valverde potrebbe risalire a decenni fa. Nel periodo in cui resti di scavi e lavori edili venivano utilizzati per riempire terreni, senza essere trattati come rifiuti speciali. Adesso il timore è che a essere stato scaricato e sufficientemente coperto possa esserci stato anche amianto. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×