Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Asec e Catania Rete Gas nel mirino di Italia Viva e M5s
Lettera per sollevare criticità. «Non risponderà nessuno»

I due gruppi consiliari tornano sulle società già finite nel mirino nei mesi scorsi. Sotto la lente d'ingrandimento l'approvazione dei bilanci ma anche il nodo per l'affidamento del servizio di lettura dei contatori

Redazione

Foto di: Mason Hassoun

Foto di: Mason Hassoun

Una lettera per cercare di riaccendere i riflettori su Catania Rete Gas e Asec Trade. A scriverla sono i gruppi consiliari, al Comune di Catania, del Movimento 5 stelle - primo firmatario il consigliere Graziano Bonaccorsi - e di Italia Viva. Nel mirino le progressioni interne, l'assenza del direttore generale e la questione degli indennizzi automatici sulle letture. «Per non parlare della tribolata approvazione del bilancio in Asec Trade - si legge nella missiva - nonostante nessuno abbia mai smentito in via ufficiale e definitiva i rumors sullo squadramento di 4 milioni di metri cubi di gas: argomento che merita (in altra sede) i dovuti approfondimenti, anche in considerazione del fatto che sugli stessi fatturati gravano gli oneri di sistema che, a loro volta, gravano sul bilancio della Asec Trade».

«Ormai è acclarato che Catania Rete Gas non riesce a fornire alcuna risposta - continuano i Consiglieri dei due gruppi -  su molte delle questioni sollevate, salvo che le stesse non vengano presentate alle autorità competenti per verificare che non ci sia danno erariale. Riteniamo incomprensibile che l’attuale dirigente amministrativo sia stato nominato responsabile unico del procedimento della gara per l’affidamento del servizio di lettura dei contatori (durata triennale), quando lo stesso contratto dovrebbe avere la sua naturale scadenza all'approvazione del bilancio e, comunque, non oltre l’1 ottobre 2020. Considerato che il bando per la selezione del dirigente tecnico è stato pubblicato, ci piacerebbe comprendere se mai verrà pubblicato il bando per la selezione del dirigente amministrativo».

Nelle scorse settimana al vertice di Asec Trade è stato indicato, in quota Forza Italia, Giovanni La Magna. Imprenditore, un tempo vicino al Nuovo centrodestra dell'ex ministro dell'Interno Angelino Alfano. «Consideriamo grave e imbarazzante - concludono - lo stato di inerzia del controllo analogo e il silenzio del vicesindaco. Siamo certi che a noi non sarà data nessuna risposta, ma forse alle autorità competenti qualche indicazione dovrà essere fornita».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×