Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Furto dell'auto a spinta. Arrestato ad Aci Catena
Complice è riuscito a scappare. Indagini in corso

I militari hanno notato due macchine. Una di queste è risultata rubata ed è stata restituita al proprietario. Il fatto è avvenuto nei pressi di via Badia. Il ladro è stato bloccato dopo un pericoloso inseguimento tra le vie della cittadina 

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Acireale hanno arrestato in flagranza il 43enne Ferdinando Rovito, accusato di furto aggravato. L’equipaggio di una pattuglia impegnata in un servizio per il controllo del territorio, ha notato in via Badia di Aci Catena il guidatore di una Toyota Yaris intento a spingere con la propria macchina una Smart, condotto da un complice.

I militari hanno immediatamente invertito la marcia e si sono messi all'inseguimento delle due autovetture che, nonostante tutto, procedevano speditamente per sottrarsi al controllo. Per bloccare i fuggitivi i militari hanno dovuto effettuare una pericolosa manovra che, però, ha concesso loro di superare le due autovetture ed arrestarne la marcia in via Spoto, ponendo di traverso l’auto di servizio.

Il conducente della Yaris è riuscito a fuggire mentre l’uomo a bordo della Smart è stato bloccato e ammanettato in quanto, in maniera evidente, l’autovettura risultava essere rubata perché manomessa nella sua parte elettrica. I carabinieri hanno così avvertito l’ignaro proprietario che ha loro riferito che il furto della propria autovettura era stato appena commesso. L’arrestato è stato relegato ai domiciliari così come disposto dal giudice al termine dell’udienza di convalida.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×