Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Segnaletica orizzontale a regime dopo un anno di stop
Adesso si attendono gli attraversamenti pedonali rialzati

La manutenzione è ripartita e gli addetti al rifacimento dei passaggi pedonali stanno setacciando il territorio per recuperare più di otto mesi di arretrati. L'assessore alla Mobilità Pippo Arcidiacono: «Entro venti giorni completeremo tutto»

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Dopo otto mesi di arretrati il servizio di manutenzione della segnaletica orizzontale è ricominciato. Complice l'imminente apertura delle scuole, il rifacimento delle strisce pedonali non era più procastinabile. Al ritardo hanno contribuito le lungaggini intercorse per l'accordo tra Comune, Multiservizi e Sostare per il passaggio di alcune consegne tra le due società partecipate (tra cui proprio il rifacimento della segnaletica orizzontale) e il contestuale trasferimento di circa venti impiegati Multiservi in distacco a Sostare. A sentire operatori, istituzioni e vertici della partecièpata che si occupa della gestione degli stalli auto a pagamento in città, adesso tutto sembra andare per il meglio: cinque squadre di operatori (tre la mattina e due la sera) stanno setacciando il territorio per ridipingere le ormai sbiadite strisce pedonali della città.

«Abbiamo iniziato dando priorità alle zone limitrofe agli istituti scolastici per mettere in sicurezza i ragazzi - dice a MeridioNews l'assessore alla Mobilità Pippo Arcidiacono - Per il momento abbiamo coperto una ventina di zone vicine alle scuole e siamo abbastanza soddisfatti». Soddisfazione, questa, che sembra colpire anche gli operatori che, dopo un lungo periodo di cassa integrazione e ferie forzate, adesso si dicono compiaciuti. «Finalmente stiamo lavorando bene», afferma un addetto alla manutenzione della segnaletica.

In piazza Dante, nei pressi dell'istituto Marconi, in via Maurizio Della Salle in prossimità degli istituti Leonardo Da Vinci e San Giuseppe, le strisce sono state rifatte e adesso, a differenza dei giorni scorsi sono visibili a pedoni e automobilisti. Ma tra strade a scorrimento veloce o in cui la congestione del traffico veicolare rende già di per sé complicato l'attraversamento pedonale, sono ancora tante le zone sprovviste di un'adeguata segnaletica orizzontale. Come la circonvallazione o via Vincenzo Giuffrida, dove su più di tre attraversamenti pedonali solo uno è visibile. O ancora nelle vie adiacenti dell'istituto scolastico Maiorana, dove su quattro vie che danno accesso all'edificio, solo l'attraversamento della strada adiacente al carcere di Piazza Lanza risulta visibile. «Salvo urgani e tifoni, entro dieci giorni - spiega il presidente di Sostare Luca Blasi a MeridioNews - completeremo il servizio in tutte le zone in prossimità delle scuole». Sulla questione Maiorana, invece, Blasi non si sbilancia: «Avranno interrotto momentaneamente il servizio - ma al contempo assicura -, saranno rifatte anche quelle nelle vie adiacenti». Al di là di tifoni e urgani, per avere una segnaletica orizzontale adeguata in tutta la città, secondo quanto ricostruito dall'assessore Arcidiacono, bisognerà attendere «altri venti giorni».

Nel frattempo, stando a quanto affermato dai dirigenti comunali, il Comune ha avviato e concluso la gara d'appalto per l'affidamento della realizzazione degli attraversamenti pedonali rialzati in alcune zone in cui il traffico veicolare rappresenta davvero un rischio per l'incolumità dei cittadini. Complessivamente ne saranno realizzati circa venti nelle vie più a rischio della città e in quelle per le quali l'Utu (il servizio mobilità e viabilità della polizia municipale) ha ricevuto diverse segnalazioni. Tra queste ci sono via Sgroppillo, in prossimità dell'ospedale Cannizzaro e via Imperia, vicino a piazza Cavour (Borgo). Ad aggiudicarsi l'appalto da quasi 140mila euro è stata la società cooperativa Edil Sep di Montelepre, in provincia di Palermo. «Questa è la soluzione - sostiene l'assessore Arcidiacono - adottata per cercare di rallentare gli automobilisti più accaniti».

Sì, perché il rispetto dei limiti di velocità e delle norme previste dal codice della strada, in questa città, diventano spesso regole di condotta per pochi e motivo di violazioni per molti. Automobili lasciate in mezzo alla strada e motorini parcheggiati proprio sugli attraversamenti dei pedoni la fanno da padroni. «Gli attraversamenti pedonali rialzati - prosegue Arcidiacono -, potrebbero essere un ottimo deterrente non solo per moderare la velocità, ma anche per frenare il parcheggio selvaggio». Ma quando saranno realizzati? «Adesso stiamo per consegnare i lavori, entro un mese e mezzo avremo i dossi pedonali». Poi però toccherà a Sostare dipingere le strisce. Ma, nel frattempo, alcuni stalli auto gratuiti, da bianco stanno diventando blu, e in città ci sono sempre più parcheggi a pagamento.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×