Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, la polizia blocca due bande criminali
Erano specializzate in assalti a tir e furti in casa

Sono 13 in tutto le persone arrestate. Nel primo caso, gli agenti hanno seguito le fasi del sequestro di un conducente per poi intervenire all'interno di un capannone della zona industriale. Il secondo gruppo aveva base a Librino

Redazione

Due gruppi criminali sono stati fermati a Catania durante la notte tra il 17 e il 18 settembre. Il primo era attivo nell'assalto ai tir, mentre il secondo nei furti in appartamento.

Sono sette le persone arrestate dopo avere bloccato un autoarticolato nella tangenziale e sequestrato il conducente. La polizia stava già perdinando due auto sospette, una delle quali con la targa alterata, e ha assistito all'assalto. Il pedinamento è proseguito fin dentro un capannone della zona industriale, dentro il quale la banda ha iniziato a scaricare la merce. A quel punto gli agenti sono entrati in azione, dopo avere circondato il capannone. Arrestato anche un componente che, all'esterno, stava effettuando delle ronde per segnalare l'eventuale presenza delle forze di polizia.

Luca Nicolosi

Michele Lombardo

Francesco Lo Vecchio

Luigi Laudani

Lorenzo Giuffrida

Rosario Drago

Giovanni Drago

Pietro Bonaccorsi

Benito Blancato

Tommaso Savasta

Francesco Puglisi

Antonino Parisi

Mauro Panè

Quasi tutte le persone arrestate sono pregiudicate: Rosario Drago, di 57 anni; Giovanni Drago, di 28 anni; Lorenzo Giuffrida, di 50 anni; Mauro Panè, di 45 anni; Luigi Laudani, di 57 anni; Michele Lombardo, di 44 anni. L'unico incensurato è il 52enne Francesco Lo Vecchio. Sono accusati di rapina aggravata e sequestro di persona in concorso.

Il gruppo dedito nei furti all'interno delle abitazioni era invece composto da sei persone. Le indagini nei loro confronti sono partite sul finire dello scorso anno, confermando l'esistenza dell'associazione a delinquere. La banda, che aveva base nel quartiere di Librino, ha proseguito nelle proprie attività criminali anche durante il periodo del lockdown, sfruttando le lunghe assenze dei residenti per andare a fare la spesa nei supemercati affollati. La merce rubata veniva poi rivenduta il prima possibile, con l'obiettivo di liberarsi della refurtiva e avere denaro contante.

Il tribunale ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere per Luca Nicolosi, 42enne conosciuto come Ciaramedda; Tommaso Savasta, 46enne conosciuto come Masi; Pietro Bonaccorsi, di 47 anni; Francesco Puglisi, di 42 anni; Benito Blancato, di 59 anni; e Antonino Parisi, di 27 anni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×