Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Simeto, l'impegno dei contadini per ripulire la riva dai rifiuti
«In quest'area fare interagire coltivazione e turismo rurale»

I volontari hanno portato via da Ponte Barca, a Paternò, un cumulo di cassette piene di vetro. «L'accumulo di spazzatura è un problema che si ripropone sempre», lamentano. Anche dall'amministrazione la promessa di fare la propria parte. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Un cumulo enorme di cassette piene di rifiuti di vetro. È questo il risultato della mattinata di pulizia dell'area protetta di Ponte Barca sul fiume Simeto, nel territorio di Paternò, organizzata dagli agricoltori della zona. La bonifica della parte destra del fiume dai rifiuti è stata realizzata, ieri mattina, dai contadini insieme a una trentina di volontari del presidio partecipativo del Patto di Fiume Simeto, di ViviSimeto, della Lipu di Catania, di Case dell’acqua e Ebn Italia con la cooperazione dell'assessorato all'Ecologia del Comune di Paternò e della ditta Dusty. «Da qualche anno - lamenta a a MeridioNews Emanuele Feltri, imprenditore agricolo proprietario di alcuni terreni in contrada Sciddicuni - questa zona del Simeto è diventata una discarica a cielo aperto. E, invece, è un posto da preservare anche perché può  rappresentare un punto di integrazione tra coltivazione e turismo rurale». 

Per il prossimo 3 ottobre è prevista una assemblea degli agricoltori della zona che chiedono soprattutto il ripristino del manto stradale e l'istallazione di alcune telecamere di videosorveglianza per contrastare sia l’abbandono di rifiuti che i furti di agrumi e olive. Intanto, per le prossime settimane, «è già in programma pure una bonifica ad ampio raggio per un intervento su tutta la spazzatura indifferenziata», assicura il presidente della Lipu di Catania Giuseppe Rannisi. È lui a sottolineare anche che quello di Ponte Barca «è uno degli habitat naturali più importanti della Sicilia Orientale per gli uccelli». E, in effetti, la zona è anche un sito Natura 2000 tutelato dall’Unione Europea. 

«Quello dell'accumulo di rifiuti di ogni tipo qui, sul lato destro del fiume Simeto, è un problema che si ripropone sempre», fa notare la presidente di ViviSimeto Elisa Coppola. Presenti all'iniziativa anche il sindaco di Paternò Nino Naso e l’assessore all’Ecologia Luigi Gulisano. «Troppi cittadini non rispettano ancora le regole di un vivere civile. Quello organizzato dagli agricoltori e dai volontari è un bell'esempio di collaborazione che mira alla valorizzazione del territorio. Anche noi - concludono dall'amministrazione - faremo la nostra parte».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×