Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il pasticcio degli stalli blu a pagamento da cancellare
Non indicati negli atti? Sostare replica: «C'erano tutti»

In alcune zone della città si provvederà a rimuovere le strisce distribuite su entrambi i lati della carreggiata. Per il Comune non erano indicati nella delibera. Diversa l'opinione della società partecipata. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Mentre si attende il completamento dei lavori di rifacimento della segnaletica orizzontale, si moltiplicano gli stalli per la sosta a pagamento. Zone residenziali, piazze e vie limitrofe si tingono di blu. È l’effetto dell’accordo raggiunto tra Comune di Catania e Sostare, la società partecipata che si occupa della gestione dei parcheggi a pagamento in città e adesso, a seguito della trattativa che ha dato respiro a circa venti lavoratori di Multiservizi altra partecipata che si occupa di manutenzioni - in distacco a Sostare, anche della segnaletica orizzontale

In soldoni, Multiservizi non era più in grado di garantire gli stipendi ai dipendenti e, di conseguenza, non poteva assicurare un servizio efficiente. Così dal municipio hanno pensato di affidarsi a Sostare. In mezzo a questa storia c'è l'istallazione di 970 nuovi stalli a pagamento. Alcuni dei quali realizzati in maniera errata o sbarrando il passaggio ai pedoni, come avvenuto in via Santa Maria la Grande, nei pressi di largo Giovanni Paisiello. Lungo via Filocomo nell'area destinata alle macchine sono finiti pure i cassonetti della spazzatura

In via Pietro Mascagni (vicino piazza Bovio), in via Vitaliano Brancati e in via Rosso di San Secondo (zona Vulcania), a dispetto della normativa, le strisce blu sono state dipinte in entrambi i lati della carreggiata. Circostanza questa che per l’assessore alla Mobilità è dovuta a un mero errore di esecuzione. «Sì - spiega l’assessore Pippo Arcidiacono a MeridioNews - è stato solo un errore, adesso provvederemo ad annerire anche quelli di via Pietro Mascagni». Se in quest’ultima via il problema dovrebbe risolversi «nel giro di qualche giorno», come sottolinea Arcidiacono, a Vulcania, come in via Brancati, gli stalli a pagamento a destra della carreggiata sono già stati cancellati. «Nei prossimi giorni - prosegue l’assessore - provvederemo a eliminare tutti quelli realizzati, ma non indicati nell'atto deliberativo».

Di diverso avviso il presidente di Sostare Luca Blasi che a MeridioNews racconta la sua versione dei fatti. «Gli stalli a pagamento realizzati - afferma Blasi - compaiono tutti nell'atto deliberativo, non ne abbiamo realizzato neanche uno che non fosse indicato dal documento del Comune». Il pastrocchio, per Blasi, è frutto di un errore attribuibile a Palazzo degli elefanti e che riguarda l’installazione di circa 270 stalli, la cui ricollocazione ha generato una certa confusione

«Non sono solito fare lo scaricabarile - spiega il presidente - ma so che stanno rivedendo la collocazione delle strisce perché forse avevano commesso qualche errore nella determina dirigenziale». In ogni caso, in merito alle zone in cui ci sono più stalli a pagamento che gratuiti, Blasi si dichiara ignaro. «Fino a oggi - prosegue - non mi è arrivata nessuna determina dirigenziale in merito alla cancellazione degli stalli a pagamento». E fino a quando il Comune non autorizzerà la rimozione degli stalli in eccesso, Sostare non potrà eseguire i lavori di annerimento. «In ogni caso - assicura Blasi - nel giro di una settimana verrà tutto risolto». Ma un ultimo sassolino dalla scarpa Blasi se lo vuole togliere. «Quando si tratta di spendere soldi per cancellare strisce blu già realizzate - conclude il presidente di Sostare - purtroppo me li devo piangere io». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×