Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Polvere gialla in viale Vittorio Veneto. Paura per i cani
Assessore Cristaldi: «Attendiamo l'esito delle analisi»

Da giorni si moltiplicano le segnalazioni dei residenti della zona, costretti a raggiungere il Pronto soccorso veterinario per ricoverare d'urgenza i propri animali. Indagini dell'Istituto zooprofilattico sulla sotanza. Il Comune annuncia pulizie straordinarie

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

«La sente la puzza?» Il titolare di un esercizio commerciale si toglie dalla bocca la sigaretta e la passa su uno dei tanti angoli di una delle arterie principali della città, colorati di giallo per la presenza di una strana polvere dal forte odore di uova marce. «È zolfo», dice dopo aver provocato la combustione della sostanza che riempie aiuole e angoli di viale Vittorio Veneto. Negli ultimi giorni, sono tanti gli allarmi lanciati tramite i gruppi Facebook cittadini: «Stanno avvelenando i cani». A segnalare il pericolo sono stati tanti proprietari, costretti a ricoverare d'urgenza i propri animali.

«Abbiamo rimosso la polvere in viale Vittorio Veneto e a Villa Pacini - spiega l'assessore all'Ecologia Fabio Cantarella, contatto telefonicamente da MeridioNews -, qualche pazzo si sta passando il tempo». L'assessore inoltre assicura che, dopo le segnalazioni dei residenti, sono già stati eseguiti il lavaggio e la bonifica delle strade. Tuttavia ieri, nel tratto di strada tra via Milano e via Firenze, la polvere era di nuovo comparsa all'ingresso di palazzi e attività commerciali. Ma viale Vittorio Veneto non sembra essere l'unica zona contaminata. «Ho trovato anche a villa Pacini la stessa situazione - prosegue Cantarella - e abbiamo già provveduto a rimuoverla, ma evidentemente l'hanno rimessa».

Per quanto riguarda la natura della sostanza, gli addetti ai lavori non si sbilanciano perché bisogna attendere l'esito delle procedure. «La scorsa settimana - spiega a MeridioNews l'assessore alla Tutela e benessere degli animali Michele Cristaldi - in sinergia con il dipartimento di veterinaria dell'Asp di Catania, abbiamo effettuato un campionamento e lo stiamo facendo esaminare dall'Istituto zooprofilattico». Al momento l'ipotesi più accreditata pare essre proprio lo zolfo. «Per assurdo - prosegue Cristaldi -, può anche essere uno che si mette a scherzare con la farina, ma qualora le indagini dovessero confermare che si tratta di zolfo mi dicono che lo mettano per provocare un fastidio al cane ed evitare che faccia i bisogni».

In merito ai tempi previsti per l'espletamento delle indagini Cristaldi non precisa alcun termine. «Non le so dire - risponde l'assessore -, fino a oggi non è arrivato ancora nulla, chiamerò l'istituto domani mattina (oggi per chi legge, ndr)». In attesa di capire di quale sostanza si tratti, l'amministrazione ha messo in agenda altre «pulizie straordinarie».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×