Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fuochi d'artificio per i compleanni, da prassi a fenomeno
Comandante Sorbino: «Li becchiamo solo con una soffiata»

Da piazza Europa a Castello Ursino passando per Ognina, si moltiplicano le segnalazioni di cittadini e residenti che lamentano forti boati nelle ore notturne. La Polizia municipale arranca. Operatore pirotecnico: «Ci arrivate a farli esplodere prima che arrivino le guardie»

Gabriele Patti

Festeggiare compleanni facendo esplodere una o più batterie di fuochi d'artificio in pubblica piazza, a Catania sembra ormai diventata un'abitudine. Seppure mal digerita dai residenti. Da mesi infatti le segnalazioni di associazioni e cittadini si stanno moltiplicando. Da Castello Ursino fino al lungomare di Ognina, passando per piazza Europa e piazza Bellini, è un continuo susseguirsi di boati e colori che disturbano residenti e animali. «Abito vicino a Castello Ursino - si legge in un commento pubblicato a corredo di uno dei tanti video di denuncia comparsi su Facebook - ed è un continuo, non se ne può più. Non capisco perché le forze dell'ordine non facciano nulla, eppure li vedo passare». Non solo botti pirotecnici, l'ultima moda sembra prediligere i fumogeni. «Come se non bastassero gli incredibili fuochi d'artificio che sparano in piazza Bellini a mezzanotte - si legge nella descrizione di un video pubblicato sulla pagina Facebook Lungomare Liberato -, questa volta sono arrivati pure ad accendere i fumogeni. La città è completamente allo sbando».

Un problema, però, che sembra essere avvertito solo dai cittadini e non dagli esercizi dediti alla vendita di materiale pirotecnico che, alla richiesta di maggiori informazioni in merito a preventive autorizzazioni per poter procedere all'accensione della miccia, assicurano: «Se non si sparano davanti alla polizia municipale, non c'è alcun problema perché i fuochi durano un minuto». A rispondere con queste parole a MeridioNews è la titolare di un noto esercizio commerciale etneo che si occupa della vendita di materiale pirotecnico. In realtà, per effettuare l'accensione dei fuochi d'artificio (solo però per quelli professionali) occorre - ai sensi dell'art. 57 del Tulps, il Testo unico per le leggi di pubblica sicurezza - ottenere apposita autorizzazione rilasciata dall'autorità locale di pubblica sicurezza. Ma la commerciante insiste: «Se siete in piazza, non si preoccupi, riuscirete sicuramente a farli esplodere prima che arrivino le guardie», assicura la nostra interlocutrice.

«Festeggiare i compleanni con fuochi d'artificio a mezzanotte ormai è diventata un'abitudine consolidata», spiega il comandante della polizia municipale Stefano Sorbino a MeridioNews. Un fenomeno che si sta diffondendo a macchia d'olio e «a cui - sottolinea Sorbino - stiamo cercando, ove possibile, di mettere una pezza». Spesso però i fuochi utilizzati da giovani e meno giovani non sono quelli professionali, per l'uso dei quali serve apposita autorizzazione. «Ma anche se si tratta di fuochi in libera vendita - precisa il comandante - recano comunque un disturbo alla quiete pubblica».

Insomma, ci sono le segnalazioni dei cittadini, c'è il pericolo per la sicurezza e l'incolumità di passanti e animali e c'è anche la volontà delle istituzioni a contrastare quella che ormai è diventata una prassi consolidata. Ma si tratta comunque di un fenomeno difficile da prevenire. «Non possiamo essere presenti ovunque tutte le sere - spiega Sorbino -, le segnalazioni dei cittadini spesso arrivano troppo tardi e assistiamo a un fuggi fuggi di un'orda di ragazzini che si dilegua a bordo del proprio motorino». Qual è allora la soluzione? «L'unico modo - conclude il comandante - è ricevere una soffiata che ci permetta di arrivare sul posto all'atto dell'esplosione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×