Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'intervista-comizio di Matteo Salvini alla vigilia dell'udienza
«Questa notte dormirò sereno, mi alzerò senza vergognarmi»

Al porto di Catania il pienone non c'è stato. Durante il confronto con la giornalista Maria Giovanna Maglie, il leader della Lega ha toccato temi politici non perdendo di vista l'appuntamento di domani. «Nessuna nostra manifestazione al tribunale», ha ribadito

Dario De Luca

Il grande pienone, alla vigilia dell’udienza preliminare in cui Matteo Salvini è accusato di sequestro di persona e abuso d’ufficio, non c’è stato. In un porto blindato in ogni suo accesso, il leader della Lega si è presentato sul palco accompagnato dalla giornalista Maria Giovanna Maglie. Un’intervista durata circa un’ora per fare il punto su quanto avvenuto lo scorso anno, quando Salvini era ministro dell’Interno e cominciò un lungo braccio di ferro per lo sbarco dei migranti dalla nave della Guardia costiera Gregoretti. Per una settimana, 135 persone rimasero a bordo dell'imbarcazione. 

Lo spartito di questi giorni racconta di una kermesse di tre giorni che avranno il momento cruciale proprio domani. Quando insieme al segretario della Lega ci saranno anche Giorgia Meloni e Antonio Tajani. A chi gli chiede di una pressione mediatica sui giudici Salvini risponde: «Domani la Lega non ha organizzato nessuna manifestazione davanti al tribunale - sottolinea il leader - Mai mi sarei permesso di andare a occupare il libero e legittimo lavoro della magistratura e mi spiace che lì ci sia un partito che di democratico ha solo il nome e va in piazza durante un'udienza». 

Chiaro riferimento alla mobilitazione del Pd e della rete regionale di Mai con Salvini. Il raduno è previsto alle 10, stesso orario dell’udienza, a piazza Trento, a poche centinaia di metri dal palazzo di giustizia di piazza Giovanni Verga. Il faccia a faccia con il giudice sicuramente si concluderà con una decisione sul rinvio a giudizio o meno, questo è certo. Intanto Salvini ha pubblicato sulla sua pagina Facebook 50 pagine di memorie difensive, scritte dall'avvocata Giulia Bongiorno. Ogni scelta sulla strategia da adottare in aula è rimandata a domani.

Prima di chiudere l’intervista-comizio, Salvini si è detto «sereno» e non ha disdegnato dure critiche al governo guidato da Giuseppe Conte. Sull’asse M5s e Pd non ha dubbi: «Viviamo un momento di sospensione della democrazia. Vi posso dare la mia parola: non permetteremo a questi signori di tirare a campare per due anni». Poi torna il pensiero dell'importante appuntamento giudiziario di domani. «Questa notte dormirò sereno - spiega - dispiace solo che un padre separato debba passare un venerdì sera e un sabato mattina in un’aula di giustizia. Però, domani andrò forte delle mie idee. Ho fatto quello che la legge permetteva - ribadisce - Io mi alzo la mattina senza vergognarmi». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×