Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aveva ucciso un uomo al Cara di Mineo, arrestato 
Colpi di bastone alla testa al culmine di un diverbio

L'omicidio è avvenuto all'interno del centro di accoglienza nel luglio del 2013. Stando a quanto emerso dalle indagini della squadra mobile di Catania, sarebbe scaturito dai disordini che si erano verificati in quei giorni tra ghanesi e nigeriani

Redazione

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

È stato arrestato questa mattina dalla squadra Catturandi della squadra mobile il 25enne Muhammed Seeba, originario del Ghana, ritenuto responsabile dell'omicidio di Ehodag Innocent avvenuto all'interno del Cara di Mineo nel luglio del 2013. L'uomo era destinatario dell'ordine di esecuzione per la carcerazione già dal 27 giugno dello scorso anno. 

Stando a quanto emerso dalle indagini, l'omicidio sarebbe scaturito dai disordini che si erano verificati all'interno del centro di accoglienza con violente liti tra cittadini ghanesi e nigeriani. In particolare, a originare la contrapposizione sarebbe stato un diverbio al culmine del quale una donna originaria della Nigeria avrebbe schiaffeggiato un ghanese

In quella circostanza, Seeba armato di bastoni si era diretto contro il nigeriano che si trovava, insieme alla moglie, davanti alla palazzina che li ospitava e lo avrebbe colpito ripetutamente alla testa. La vittima, in seguito delle lesioni riportate - «un trauma cranico commotivo con emorragia cerebrale» - era stato ricoverato all'ospedale Cannizzaro di Catania dove era poi morto qualche giorno dopo, l’11 agosto. 

Le indagini della squadra mobile di Catania avevano consentito di individuare i responsabili del crimine: i cittadini ghanesi Richard Bruce (classe 1986) e Muhammed Seeba (classe 1995).

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×