Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, proseguono i lavori alla base Usa
Gli attivisti: «Presenteremo un esposto»

Operai ancora al lavoro nell'impianto di antenne satellitari militare degli Stati Uniti a Niscemi. Nonostante la revoca definitiva delle autorizzazioni disposta dalla Regione Sicilia. Lo testimoniano le immagini del giornalista e registra Manolo Luppichini e del suo staff, sul posto per un documentario. «Avevamo già notato un convoglio tutte le mattine, ma questa volta siamo rimasti sconvolti», spiega. Meno stupiti gli attivisti: «Certo non ci aspettavamo questa faccia tosta. Faremo un esposto alla procura della repubblica di Caltagirone». Guarda il video

Leandro Perrotta

«Eravamo sulla collina che domina il Muos, intorno alle 9 del mattino, per fare qualche ripresa di copertura. Ma ci siamo resi conto che c'erano degli operai a lavoro». A raccontarlo  è Manolo Luppichini, giornalista freelance e regista, che da circa una settimana si trova a Niscemi per documentare la protesta contro la costruzione del mega impianto di antenne dell'esercito degli Stati uniti d'America. Nel video-documento girato insieme al suo staff è ben visibile come i lavori alla struttura proseguano nonostante la revoca definitiva delle autorizzazioni arrivata una settimana fa dalla Regione Sicilia. E l'accordo con il governo nazionale di sottomettere ogni decisione sul futuro dell'impianto al risultato di nuove analisi sul suo impatto ambientale. Una circostanza che comunque non stupisce gli attivisti No Muos, già scettici nei confronti degli interventi del governatore regionale Rosario Crocetta.

Video pubblicato per gentile concessione di Manolo Luppichini

«Avevamo già notato un convoglio che tutte le mattine entra nella zona, ma questa volta siamo rimasti a bocca aperta - continua Luppichini - Abbiamo visto degli operai che stendevano cavi, accedendo a una botola sotto i grandi dischi poggianti sul terreno. Abbiamo ripreso la scena per circa mezzora». Luppichini, già autore del documentario Fratelli di Tav che racconta dei presidi e della lotta degli attivisti in Val Di Susa, contro la costruzione della linea ferrata veloce tra Torino e Lione, si dice «sconvolto per il mancato rispetto da parte degli Usa della revoca delle autorizzazioni disposto dalla regione Sicilia».

Una circostanza che, invece, non pare destare stupore tra gli attivisti in presidio in contrada Ulmo, proprio accanto alla base Usa. «Diciamo la verità, non pensavamo che una semplice revoca potesse bloccare del tutto i lavori. Di certo non ci aspettavamo questa faccia tosta di proseguire in modo subdolo subito dopo la manifestazione», dichiara l'attivista Fabio D'Alessandro, riferendosi al grande corteo di sabato 30 marzo. Appresa la notizia, i membri del comitato No Muos si sono subito riuniti in assemblea. «Stiamo discutendo se fare una azione legale e, certamente, faremo un esposto alla procura della repubblica di Caltagirone, documentando la violazione del divieto con il video» spiega D'Alessandro. «Non sta a noi stabilire se ci sia stato o meno un illecito, lo farà la procura. Ma, secondo i legali che abbiamo consultato, potrebbero esserci tutti gli estremi», conclude.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews