Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, positivi due calciatori e un tecnico del Paternò
Presidente: «Non sappiamo da dove è partito il contagio»

La notizia è stata diffusa dalla società calcistica che ha annunciato di avere «attivato tutte le procedure previste». Adesso sono a rischio le prossime gare di campionato. I tamponi per dirigenti, staff e altri componenti della squadra hanno dato esito negativo

Salvatore Caruso

Tre positivi al Covid-19 nella squadra di calcio del Paternò. Si tratta di due calciatori e un componente dello staff tecnico del team rossazzurro che milita nel campionato di serie D. La notizia è stata diffusa dalla stessa società calcistica che ha annunciato di avere «attivato tutte le procedure e i contatti con la Lega, l'Asp e le autorità competenti - scrivono in un comunicato - in attesa di ulteriori disposizioni».

Data la situazione, al momento sono a rischio le prossime gare di campionato: quella di domenica 11 ottobre in casa contro il Dattilo e la successiva in trasferta a Licata. «Siamo in isolamento volontario in attesa dei risultati dei tamponi - spiega a MeridioNews il presidente Ivan Mazzamuto - L'Asp finora non ci ha contattati - continua - ma abbiamo provveduto a sottoporci ai controlli in strutture private». Adesso, bisognerà ricostruire anche la rete dei contatti dei tre positivi. «Non sappiamo dove i nostri tesserati sono stati contagiati», precisa Mazzamuto. 

In serata, intanto, sono arrivati i risultati dei tamponi per dirigenti, staff e giocatori: tutti negativi. Anche il Castrovillari, la squadra che domenica scorsa ha giocato contro il Paternò, ha attuato tutte le procedure anticontagio sospendendo ogni attività sportiva e invitando i propri tesserati - e anche tutti coloro che hanno preso parte alla trasferta di domenica scorsa - a restare a casa in isolamento. «Appena appresa la notizia in maniera informale, con nessuna nota ufficiale da parte della Lega e della società sportiva Paternò Calcio, la società Castrovillari Calcio 1921 - si legge in una nota della società calabrese - preventivamente ha attuato tutte le procedure anticontagio». 

Nel comunicato della società calabrese viene, inoltre, precisato che «solo nella tarda serata di ieri (lunedì 5 ottobre) dopo continue sollecitazione e richieste alla società Paternò Calcio è stata inoltrata comunicazione ufficiale nella quale venivano riportate e ufficializzate le tre positività; nella stessa nottata - continua la nota - il sindaco della città di Castrovillari ha notificato le quarantene a tutti i residenti sul territorio comunale e inoltrato comunicazione ai vari sindaci delle città in cui si trovano tutti gli altri tesserati». Nelle prossime ore saranno effettuati i tamponi e, solo dopo gli esiti, riprenderanno le attività sportive. «Non spettava a noi informare il Castrovillari - replica il presidente Mazzamuto - ma alla Lega che da noi ha ricevuto tutti i dati appena ne siamo stati a conoscenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×