Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lido Tribeach, accesso libero e vetri rotti
Riappropriazione spontanea dei catanesi

Nato lo scorso anno in una delle poche aree non urbanizzate della scogliera catanese, il lido Tribeach la scorsa domenica è stato protagonista dalla pacifica invasione di decine di famiglie in cerca di relax. Sono stati infatti in centinaia ad accedere da una pericolosa porta a vetri in frantumi, calpestando il prato inglese e la passerella in legno che la scorsa estate avevano scatenato le proteste delle associazioni ambientaliste. Guarda le foto

Leandro Perrotta

Un verde prato inglese, una mattina assolata e tante famiglie a godersi la vista del mare, giusto a pochi passi. Una scena apparentemente normale sul lungomare di Catania, se non fosse che l'area nella quale accade tutto è quella del lido Tribeach, contestatissimo stabilimento balneare aperto solo lo scorso anno. A causa di un contenzioso con il Comune di Catania, potrebbe non riaprire i battenti per la prossima stagione estiva. Ma nell'attesa che si sblocchi la situazione, le tante famiglie in transito utilizzano un libero ma pericoloso accesso creato da un atto vandalico: una porta a vetri in frantumi. Quasi una riappropriazione spontanea.

 

Il lido Tribeach si trova tra piazza Tricolore e piazza Nettuno, in un tratto di costa liberamente accessibile fino alla primavera dello scorso anno: una scaletta in pietra lavica, permetteva ai catanesi di godere di uno dei rari angoli del lungomare non urbanizzati, quasi un piccolo parco naturale. E, quando l'area è stata privatizzata e resa inaccessibile da una recinzione esterna, dure sono state le polemiche delle associazioni ambientaliste, in riferimento soprattutto alla copertura delle formazioni vulcaniche tipiche della scogliera.

«Uno scempio in un’area che è testimonianza di quello che era la nostra scogliera naturale prima dell’antropizzazione», scrivevano lo scorso luglio la Lipu insieme aWwf CataniaComitato cittadino Porto del SoleCittàInsieme e la sezione catanese del Forum nazionale Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i territori in una lettera inviata alle istituzioni. Dove venivano stigmatizzate le «modifiche permanenti» all'area e il danno alla vegetazione locale, composta da piante uniche dell'area etnea quali il finocchio di mare e ginestrino delle scogliere, adesso sostituita da un «banale prato inglese». Ma in una domenica di primavera, tra il caldo e la spensieratezza, sono centinaia i catanesi che sdraiati su quel prato pensano solo a godersi il sole. Senza attendere la risoluzione di contenziosi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×