Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Disposta imputazione coatta per Cantarella e Candiani
Esponenti Lega denunciati dopo un video su Facebook

A deciderlo la giudice per le indagini preliminari Giuseppina Montuori. La procura, invece, aveva chiesto l'archiviazione del fascicolo. Il filmato venne trasmetto in diretta dai vicoli del rione San Berillo. Stralciata la posizione di coloro che commentarono

Dario De Luca

«Istigazione a delinquere per motivi di istigazione razziale, etnica e religiosi». Questa l'accusa con cui la giudice per le indagini preliminari Giuseppina Montuori ha disposto l'imputazione coatta nei confronti di Stefano Candiani e Fabio Cantarella. Il primo, senatore originario di Busto Arsizio in Lombardia, è il segretario della Lega di Matteo Salvini in Sicilia. Cantarella, invece, l'attuale assessore all'Ambiente del Comune di Catania. All'interno del Carroccio vicesegretario regionale. Per entrambi la procura di Catania aveva chiesto l'archiviazione del fascicolo perché il fatto non sussiste o non costituisce reato. Ipotesi che aveva trovato l'opposizione dell'associazione antimafia Rita Atria tramite l'avvocato Goffredo D'Antona. 

Candiani e Cantarella erano finiti denunciati dopo una diretta Facebook realizzata tra i vicoli del quartiere San Berillo. Descritto come un luogo «patria dell'illegalità in mano agli immigrati clandestini» dove «regnano spaccio, contraffazione e prostituzione». Durante la diretta diversi utenti del social network si erano distinti con commenti, riferiti ai migranti, come «metterli nei forni», «è bello l'odore del Napalm al mattino», «alle docce», «maledetti clandestini», «buttateli a mare da dove sono venuti», «vai con la ruspa» e «ci vuole il lanciafiamme». La posizione di 14 utenti, finiti indagati, è stata stralciata per lo stesso reato nei confronti degli esponenti della Lega. 

Secondo la gip di Catania «le ragioni esposte dalla procura nella richiesta di archiviazione non trovano conferma nelle condotte materialmente tenute dai due indagati e nell'attività di indagine espletata e non possono essere condivise». Anche perché, scrive, «a ben vedere appare chiaro che trattasi di espressioni e giudizi fondati su concetti discriminatori e legate alla sola nazionalità o etnia dei residenti il quartiere in questione e non concretamente posti in essere da costoro». La giudice rileva anche che il senatore Candiani ha «manifestato le proprie idee fuori dalla sede parlamentare e fuori dai limiti dell'insindacabilità previsti dall'articolo 68 del comma 1 della Costituzione» nei confronti di deputati e senatori, citando un precedente che riguardava Mario Borghezio. La Procura di Catania, adesso, entro dieci giorni dovrà formulare l'imputazione coatta. Dopo la denuncia il rappresentante etneo della Lega si era giustificato dicendo di essersi recato nel quartiere «per raccontare una realtà», prendendo le distanze da coloro che avevano commentato la diretta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×