Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Afferra per il collo e tenta di soffocare il figlio di sei mesi
«Non voleva smettere di piangere», arrestato un 35enne

La madre del bambino e compagna dell'uomo ha girato un video che poi è stato condiviso con altre persone. A portarlo all'attenzione dei carabinieri è stata una conoscente. Adesso l'uomo è accusato di lesioni personali aggravate ed è finito ai domiciliari

Redazione

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Un video in cui si vede un adulto che afferra per il collo un bambino di sei mesi, appoggiato su un letto, e tenta di soffocarlo. Di cellulare in cellulare è arrivato a una donna che lo ha portato all'attenzione dei carabinieri della stazione di Catania di piazza Dante. Dalla visione delle immagini e, in particolare dai tatuaggi sulla spalla destra, i militari hanno individuato il 35enne catanese padre del bimbo. L'uomo adesso è indagato per lesioni personali aggravate ed è finito agli arresti domiciliari

Dalle indagini sono emersi maltrattamenti a carico non solo del bambino di sei mesi ma anche dell'altro figlio di quasi tre anni. A girare il video, per documentare quanto accaduto è stata la 22enne madre del bambino e compagna dell'uomo arrestato. I carabinieri, inoltre, hanno constatato che l'abitazione familiare era in condizioni igieniche precarie e senza corrente elettrica.

Dagli accertamenti successivi sono emerse frequenti liti in famiglia: anche i vicini di casa hanno raccontato di avere sentito spesso la donna e i bambini piangere a squarciagola e, in qualche occasione, anche di avere percepito anche i rumori degli schiaffi. Una vicina ha anche raccontato di avere spesso accolto in casa i bambini e che il più grande non voleva rientrare nella propria abitazione.

Di fronte alla cognata che aveva visto il video, il 35enne si sarebbe giustificato dicendo di avere agito in quel modo perché il bambino non smetteva di piangere. L’uomo, che stando a quanto riferito dai familiari sarebbe solito fare uso di sostanze stupefacenti, già nel gennaio del 2018 era stato dichiarato decaduto dalla responsabilità genitoriale con una sentenza del tribunale per i Minorenni di Catania. In quel caso, avrebbe manifestato l'assoluto disinteresse nei confronti della figlia nata nel corso di una sua precedente relazione. La bambina, infatti, è stata affidata alle cure degli zii materni. Il 35enne adesso è stato sottoposto agli arresti domiciliari nell'abitazione della propria madre.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×