Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rapina via Umberto, arrestato anche il complice
Riconosciuto dalla vittima, si era rifugiato a casa

Emanuele Uccellatore e Alessandro Del Pozzo, questa mattina, si sono presentati nella gioielleria Orogemma fingendo di voler comprare un braccialetto. Non avevano armi. Il colpo però è fallito alla vista dei militari. Tre anni fa furono arrestati per droga

Redazione

Erano già stati arrestati in coppia i rapinatori che stamattina, alle 9.45, hanno assaltato la gioielleria Orogemma, in via Umberto. Uno dei due, il 22enne Emanuele Uccellatore, era stato fermato poco dopo il colpo dai carabinieri. Il complice, invece, era riuscito a fuggire ma è stato arrestato nel pomeriggio dai carabinieri: si tratta di Alessandro Del Pozzo, 22enne, anche lui di Mascalucia. 

Del Pozzo è stato fermato nella sua abitazione, dopo che gli investigatori sono riusciti a risalire alla sua identità grazie alle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza installati nella zona e alla testimonianza del titolare della gioielleria. Dagli accertamenti è emerso che i due, nel 2017, erano stati arrestati per reati in materia di droga

Stamattina Del Pozzo e Uccellatore si sono presentati nella gioielleria, fingendo di volere comprare un braccialetto. Poco dopo avevano intimato al titolare e a una dipendente di cedere loro gioielli e denaro. I due rapinatori non avevano armi, ma sono riusciti a immobilizzare comunque le vittime con l'uso di fascette di plastica autobloccanti, per poi portare via beni del valore di circa 1500 euro. La refurtiva, tuttavia, era stata gettata via pochi minuti dopo alla vista dei militari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×