Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, Tacopina mette tre proposte sul tavolo della Sigi
«Questa città merita la A». Ipotesi acquisto 100% quote

L'avvocato e dirigente sportivo statunitense è tornato nel capoluogo etneo per comunicare le tre offerte alla società proprietaria del club. Adesso inizia l'attesa per le risposte. «Qui ci sono i tifosi migliori del mondo», commenta

Simone Olivelli

«Three options». Tre opzioni. Joe Tacopina lo dice chiaramente: sul tavolo di Sigi, la società che da pochi mesi è proprietà del Calcio Catania, dopo lo scampato rischio fallimento, ci sono tre proposte. Adesso toccherà al gruppo di imprenditori siciliani scegliere se accettare o meno - e se sì, in che misura - l'ingresso dell'avvocato e dirigente sportivo newyorchese. Spalancando così le porte a quella che sarebbe la quarta avventura nel mondo del calcio italiano per Tacopina, dopo le esperienze con la Roma, il Bologna e il Venezia. «Catania può diventare la tappa più importante», ha detto questo pomeriggio il 54enne, parlando con i giornalisti nello spazio antistante l'Una Hotel Palace. 

A pochi passi da lì, in via Etnea, sono in molti a gettare lo sguardo al capannello di microfoni e mascherine. «C'è Tacopina», commenta qualcuno. Da mesi è lui il nome su cui la maggior parte dei tifosi ripone fiducia nell'auspicio possa iniziare un nuovo percorso di lungo termine, dopo il nefasto epilogo dell'era Pulvirenti e l'incubo di vedere sparire la matricola del club. «Abbiamo fatto il nostro, adesso aspettiamo una risposta», ha detto Tacopina. E a chi ha chiesto se sono vere le voci che vorrebbero che nessuna mail certificata sia arrivata all'indirizzo degli attuali proprietari del club rossazzurro, l'avvocato statunitense ha replicato: «Ho molto rispetto per Sigi, ma sono tanti in società. Io parlo solo con Gaetano Nicolosi (l'azionista di maggioranza, ndr)». Come dire: chi doveva riceverla, l'ha ricevuta.

Nei dettagli delle proposte, al momento Tacopina preferisce non scendere. Anche se una è esplicita: «Subentrare al cento per cento», dichiara. Per poi aggiungere che le altre due vedrebbero la compresenza del proprio gruppo e di Sigi, in un rapporto di percentuali non rivelate ma che, con moltra probabilità, vedrebbero in Tacopina la netta maggioranza delle quote. In ballo, oltre alla gestione della squadra c'è anche il centro sportivo di Torre del Grifo, anello che, per valore e potenzialità economiche, è per nulla secondario della trattativa. Ma ragionamenti imprenditoriali a parte, Tacopina assicura che a smuoverlo è stata la fascinazione per Catania e i suoi tifosi. «Forse i migliori, non solo d'Italia», si spinge a dire. Ed è qui che il 54enne statunitense cita un aneddoto, risalente a qualche anno prima del suo ingresso nel calcio italiano. Era novembre 2006 e il Catania venne sconfitto per 7 a 0 a Roma. La società di cui nel 2011 Tacopina diventerà dirigente. «Vedevo la partita e anche se la sconfitta era pesante, dopo ogni gol i tifosi del Catania continuavano a tifare. Erano fantastici», ricorda. 

Più che al presente - «poche partite sono state giocate», chiosa alla domanda su come gli sembri la squadra -, Tacopina guarda al futuro. Quello ipotetico che lo vedrebbe alla guida del Catania. «Questa piazza merita tanto, di avere la serie A», dice. E specifica: «Alta serie A». C'è chi cita l'Atalanta che da qualche anno sta facendo favile in Italia e all'estero. E Tacopina sorride. Stasera lo aspetta un aereo per partire da Catania, ma il pensiero di tutti è a un altro tipo di decollo. Quello sportivo. «Quando torno? Prestissimo, spero». E come lui la tifoseria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×