Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lo sfratto per le famiglie di poliziotti abusive a Librino
«Cortocircuito della Regione dopo legge in Finanziaria»

L'immobile di viale Bummacaro è stato sequestrato e gli inquilini hanno ricevuto il decreto che intima di lasciarlo entro 15 giorni. L'assessore regionale Marco Falcone si è detto disponibile a incontrare le forze dell'ordine ma ancora è tutto da definire

Marta Silvestre

Una sentenza del tribunale di Catania ha disposto il sequestro degli immobili al numero civico 3 di viale Bummacaro, nel quartiere Librino. Il decreto è già stato notificato dalla Regione Siciliana alle famiglie delle forze dell'ordine (per lo più in pensione) che lo abitano in maniera abusiva, loro malgradoUna diffida ufficiale era già stata recapitata agli inquilini pochi giorni prima di Natale dello scorso anno. Una storia che va avanti da anni tra ritardi, sentenze non applicate e soprattutto paradossi

Costruito nel 1985 con lo stanziamento di un fondo di cento miliardi di lire nell'ambito di una legge per la costruzione di immobili da edificare in luoghi strategici e da assegnare alle forze dell’ordine impegnate nella lotta contro la mafia, l'immobile è stato consegnato due anni dopo alle famiglie dalla Regione. La controversia nasce nel 2010 quando la ditta che ha costruito il palazzo - la Fasano costruzioni srl - cita in giudizio la Regione chiedendo la risoluzione del contratto e la restituzione dell'immobile. È con una sentenza del 2013 che la Regione perde la proprietà del palazzo (dal valore di circa tre milioni di euro) per non avere pagato all'azienda l'ultima rata da circa 450mila euro (circa il 15 per cento dell'importo totale). Una sentenza che, però, non è mai stata applicata. Intanto gli inquilini, che prima pagavano l'affitto alla Regione, si sono ritrovati a non avere una controparte a cui corrispondere il denaro e sono diventati occupanti abusivi

Adesso, nella legge Finanziaria 2020 era stato previsto lo stanziamento di fondi da destinare all'acquisto di immobili per garantire una casa alle famiglie delle forze dell'ordine. A fermare tutto, però, è arrivata la sentenza con un'ordinanza di sequestro che intima agli inquilini di lasciare gli alloggi entro 15 giorni. «C'è stata una mancanza di comunicazione tra pubblica amministrazione e politica - lamenta a MeridioNews Dario Gulisano, il responsabile delle Politiche abitative della Cgil di Catania, che da anni segue da vicino la vicenda - Dopo la norma salva-famiglia si è creato una sorta di cortocircuito». Adesso, l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone si è detto disponibile a incontrare le famiglie sfrattate. Ma è ancora tutto da definire

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×