Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La movida nel centro storico ai tempi della pandemia
«Meglio adesso, prima non si riusciva a camminare»

Da via Gemmellaro al Castello Ursino. Il giro di MeridioNews per capire come stanno cambiando le abitudini notturne dei catanesi durante la seconda ondata di Covid-19 e lo spettro di misure molto più restrittive da varare con il nuovo Dpcm. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Catania sembra quasi essere divisa in due: da un lato chi si attiene alle regole del decreto, dall'altro chi lo ignora. Mentre si attende il nuovo Dpcm che, causa impennata dei contagi di Covid-19, dovrebbe imporre misure più stringenti alla libertà di circolazione, la movida a Catania prosegueMeridioNews è andata tra le vie del centro per comprendere come e quanto stiano cambiando le abitudini notturne dei catanesi dopo il provvedimento entrato in vigore mercoledì scorso che ha imposto la chiusura dei locali a mezzanotte e la possibilità di asporto solo fino alle 21. Da via Gemmellaro al Castello Ursino passando da piazza Vincenzo Bellini

Cinque agenti della polizia ambientale presidiano i due accessi di via Gemmellaro, entrambi transennati e muniti di gel igienizzante. «Se si deve fumare la sigaretta, aspetti qui, appena finisce entra», è l'invito rivolto a un giovane che si appresta ad accedere alla via ricca di lounge bar dagli agenti. Non c'è calca e la strada e i marciapiedi sembrano molto più puliti rispetto al periodo antecedente alla pandemia quando in via Gemmellaro sembrava difficile anche muoversi. 

«Molto meglio adesso, prima non si poteva neanche camminare», commenta una giovane a MeridioNews. Per accedere alla via piena di locali, ci sono però delle regole da rispettare: mascherina alzata fino al naso e non si può fumare in transito perché ciò comporterebbe abbassare la mascherina. Regole, queste, che decadono nel momento in cui ci si siede al tavolo. «Ieri (venerdì per chi legge, ndr) sera abbiamo avuto qualche problema - racconta a MeridioNews un agente dell'Aeop (Associazione europea operatori di polizia) - perché c'è sempre qualcuno che esagera con l'alcol». 

La situazione cambia in piazza Vincenzo Bellini, dove le persone che indossano le mascherine si riducono notevolmente. La maggior parte dei ragazzi beve anche fuori dai locali e, nonostante la calca, non c'è alcun militare o agente. Pochi metri più in là, tra via Pulvirenti e piazza Scammacca ci sono cinque gazzelle dei carabinieri e una della polizia locale. «Tutti portano la mascherina - commenta un militare - stiamo facendo qualche richiamo verbale ma il più del lavoro deriva dalle violazioni del codice della strada». Sedici in una sola sera, di cui undici per infrazioni alla zona a traffico limitato ed è stata sospesa un'attività commerciale. «Giovanotto - strilla il militare rivolgendosi a un adolescente in transito che indossa male la mascherina - deve coprire naso e bocca». Il giovane accoglie l'invito e continua la sua serata. A mezzanotte le saracinesche dei locali si abbassano, ma la folla in piazza Bellini aumenta. E c'è anche chi stappa bottiglie di spumante.  

In piazza Currò tutto sembra procedere come da Dpcm: nessun assembramento e poca confusione. Pochi metri più in là, in via Auteri invece la situazione sembra essere quella di sempre: poche mascherine e molti ragazzi che bevono il proprio cocktail ai margini della strada. Al Castello Ursino la situazione peggiora: nessuno indossa la mascherina e gli assembramenti sono la regola. Qui a parte una volante della polizia che passa, le forze dell'ordine sono un miraggio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×