Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Maniace sciolto per mafia, parroco scrive a Mattarella
«Gravi, immeritati e diffamatori giudizi sulla comunità»

Padre Nunzio Galati, sacerdote 81enne che da oltre mezzo secolo vive nel paesino dei Nebrodi in provincia di Catania, ha mandato una lettera al presidente della Repubblica per commentare la relazione sullo scioglimento del Comune 

Redazione

«Ha reso noto al mondo gravi, immeritati e diffamatori giudizi sull'intera comunità». Così padre Nunzio Galati, parroco 81enne da oltre mezzo secolo a Maniace, ha scritto in una lettera che ha inviato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per commentare la relazione che ha portato allo scioglimento per mafia del paesino dei Nebrodi in provincia di Catania, dopo un accesso ispettivo.  

L'anziano parroco lamenta il fatto che nella relazione sullo scioglimento si affermi che «la mala gestio dell'amministrazione sarebbe figlia naturale di una comunità che, inquinata e corresponsabile, avrebbe esposto l'ente locale al rischio di agevolare interessi riconducibili a soggetti intranei alla criminalità mafiosa» e che «l'ente locale avrebbe agevolato con compiacenza gli affari illeciti della stessa comunità». Per padre Galati, ci sarebbe insomma una sorta di controsenso nel punto in cui «la famigerata collettività dal cupo volto mafioso e correa nella mala gestio amministrativa diventerebbe, improvvisamente, vittima innocente da porre sotto tutela». 

E, invece, il sacerdote aggiunge che si sarebbe aspettato «per coerenza, l'unica conclusione radicale: sanare (miracolosamente) alla radice l'intera popolazione maniacese se non ricorrere, addirittura, a rimedi più estremi. Ma chi avrebbe dovuto compiere tale miracolo - chiede padre Galati - se è stato incapace lo stesso Stato con le sue scuole quali barriere, per vocazione, nonché presìdi organici, funzionali a sterilizzare sul nascere, grazie alla promozione culturale, ogni tentazione malavitosa di stampo mafioso?». Una domanda che, al momento, rimane aperta. 

Sotto la lente d'ingrandimento delle forze dell'ordine erano finiti, con un lavoro interforze, documenti, rapporti di parentela e vicende giudiziarie. Il sindaco Nino Cantali si è sempre detto sereno per il lavoro svolto e ha escluso ogni tipo di rapporti con le cosche locali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×