Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco, due persone arrestate per estorsione
Telecamera nascosta riprende pagamento del pizzo

A finire in carcere sono stati il 49enne Salvatore Strano e il 39enne Rosario Di Bella. Per loro l'aggravante di avere agito nell'interesse dell'associazione mafiosa. L'operazione è avvenuta all'insaputa della vittima

Redazione

La promessa di essere protetti da furti e rapine in cambio di un pagamento fissato in duecento euro mensilli, più altre regalie. A imporre l'estorsione a un commerciante di Misterbianco sarebbero stati Rosario Di Bella e Salvatore Strano. I due, di 39 e 49 anni, sono stati bloccati dai carabinieri. 

Di Bella è stato arrestato in flagranza di reato, poco dopo avere preso una somma di denaro dalla vittima; mentre per Strano è stato disposto un provvedimento di fermo, in quanto indiziato di essere stato l'ideatore di un cavallo di ritorno, tramite il quale era stata restituita alla vittima un'automobile precedentemente rubata

L'intervento dei militari è avvenuto all'insaputa della stessa vittima. I carabinieri avevano infatti precedentemente piazzato una telecamera nascosta nell'esercizio commerciale. Nell'immediatezza la vittima ha provato a motivare quanto accaduto sostenendo che non si trattava del pagamento del pizzo, ma poi, davanti alle evidenze investigative, è arrivata l'ammissione.

Gli arresti sono stati convalidati dopo l'interrogatorio di garanzia. Di Bella e Strano si trovano adesso nel carcere di Bicocca, per loro l'aggravante di avere agito per favorire l'associazione mafiosa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×