Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Confermata pena a 25 anni per Salvatore Di Grazia
Uccise la moglie. Il cadavere non è mai stato ritrovato

La corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato i legali dell'82enne. Stando a quanto emerso, tra i coniugi ci sarebbero stati dissidi per la vendita di un autolavaggio dove l'uomo avrebbe anche incontrato donne con cui aveva relazioni extraconiugali

Redazione

È diventata definitiva la condanna a 25 anni di carcere per l'82enne Salvatore Di Grazia, accusato di avere ucciso la moglie di 72 anni Mariella Cimò e di averne poi fatto sparire il corpo. La corte di Cassazione ha rigetto il ricorso che avevano presentato i legali dell'uomo contro la sentenza della corte d'Appello di Catania che, l'8 luglio del 2019, aveva confermato quella di primo grado che era stata emessa il 7 aprile del 2017. L'uomo ha sempre sostenuto la tesi dell'allontanamento volontario della moglie, dichiarandosi innocente

La donna, che è scomparsa dalla villa di famiglia di San Gregorio di Catania il 25 agosto del 2011, non è mai stata ritrovata. Il marito, con cui era sposata da 43 anni, aveva presentato la denuncia solo il 5 settembre successivo. Stando a quanto emerso durante i processi, tra i due coniugi negli ultimi periodi ci sarebbero stati dei contrasti legati soprattutto alla gestione di un autolavaggio self service ad Aci Sant'Antonio. Un'attività di proprietà della donna nella quale lavorava il marito. 

Lei avrebbe voluto vendere ma lui si sarebbe opposto perché, secondo quanto emerso dalle indagini coordinate dal pubblico ministero Angelo Busacca, in quegli uffici avrebbe incontrato le donne con cui intratteneva relazioni extraconiugali. «Può darsi - ha raccontato Di Grazie durante un'udienza - che qualche volta portai delle donne nell’appartamento antistante l’autolavaggio. Gli incontri avvennero prima durante e dopo la scomparsa di mia moglie».

Fondamentali per gli inquirenti sono state le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza - che non avrebbero ripreso mai la donna uscire dalla villetta - e diverse intercettazioni ambientali. Il 2 novembre del 2011 per esempio a quasi due mesi dalla denuncia della scomparsa, Di Grazia risponde a una persona - non identificata - che chiede sul suo stato d’animo dicendo che «non iniziava il periodo di lutto ma la campagna della vagina». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×