Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Esplode bomba nel retro del chiosco di piazza Trento
Appiccato pure incendio. Si segue la pista del pizzo

Un boato intorno alle 5.30 del mattino ha svegliato gli abitanti della zona. Sul posto decine di agenti di polizia. Effettuati i rilievi del caso. Gli investigatori tendono a escludere l'ipotesi del tentato furto. L'attività, stamattina, ha aperto regolarmente

Dario De Luca

Una bomba piazzata nel retrobottega dello storico chiosco di piazza Trento è stata fatta esplodere intorno alle 5.30 di questa mattina. L'ordigno utilizzato, secondo quanto appreso da MeridioNews, sarebbe di fabbricazione artigianale: verosimilmente un candelotto simile a una bomba carta. Chi ha agito però non si è limitato a piazzare la bomba. La struttura è stata interessata anche da un principio d'incendio, molto probabilmente innescato utilizzando del liquido infiammabile. Sul posto si sono recati gli agenti di polizia che hanno provveduto a circoscrive l'area, chiudendo al traffico veicolare la strada parallela al viale XX settembre. 

Dai rilievi potrebbero essere aggiunti ulteriori tasselli per ricostruire la dinamica. Le indagini, considerata la modalità, prediligono la pista del racket delle estorsioni. Gli investigatori sembrano escludere un tentativo di furto. La struttura tuttavia non ha subito grossi danni. Gli unici ancora visibili sono quelli a un tendone bianco scuro. Il retrobottega è stato già pulito e il chiosco questa mattina ha aperto regolarmente al pubblico. Sistemati anche alcuni bidoni dei rifiuti che dopo l'esplosione erano finiti in strada. Il chiosco, come accertato da MeridioNews, è dotato di sistema di videosorveglianza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×