Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piazza Università, una corona di fiori in segno di protesta 
In via di Sangiuliano due bombe carta lanciate da un'auto

Diversi gruppi sono scesi in piazza contro le misure restrittive del decreto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte per contenere la diffusione del coronavirus. Presenti gli agenti della polizia in tenuta antisommossa. Guarda le foto

Foto di: dario de luca

Foto di: dario de luca

C'è una corona di fiori di quelle che si usano durante i funerali e anche un lungo striscione con la scritta: «Con-te l'Italia muore. No lockdown!». Lo hanno esposto i gruppi di Unimpresa e Assoesercenti Catania che stanno manifestando in piazza Università a Catania contro le misure restrittive del decreto del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte per contenere la diffusione del nuovo coronavirus

Due forti esplosioni si sono verificate intorno alle 19. Stando a quanto ricostruito finora, si tratterebbe di due bombe carta lanciate da una macchina che transitava lungo la salita di via Antonino di Sangiuliano, in direzione Benedettini. Secondo quanto riferito dalla polizia locale, gli ordigni rudimentali - a distanza di pochi metri l'uno dall'altro - sarebbero stati lanciati da un finestrino di un'auto in corsa. Il botto si è sentito anche in piazza Università. Adesso, la Digos sta perlustrando la zona.

«La vera emergenza è questo governo», recita un altro striscione srotolato dalla parte opposta nella piazza. A manifestare ci sono anche un gruppo di Casapound, alcuni esponenti ultras della curva nord del Calcio Catania e i gruppi dei indipendentisti che sventolano le bandiere gialle e rosse della Trinacria. «Libertà, libertà, non c'è peggior virus del colonialismo», è lo slogan che accompagna la loro protesta che, almeno in un primo momento, sembrava essere piuttosto pacifica. Tra i manifestanti anche alcuni appartenenti al gruppo dei negazionisti. Ai quattro angoli ci sono le camionette della polizia e, nella piazza, già schierati gli agenti in tenuta antisommossa.

Alla protesta partecipa anche il senatore Mario Giarrusso «Siamo vicini a tutti gli italiani che in questo momento stanno soffrendo a causa di queste limitazioni - dichiara a MeridioNews - Noi siamo per la sicurezza e per la tutela della salute, però non a danno delle persone che lavorano e che non hanno come mangiare». Una posizione piuttosto critica nei confronti del governo «che si è appiattito sull'Europa - continua Giarrusso - Non sono questi gli strumenti adatti per uscire da questa crisi. L'ipotesi di un nuovo lockdown - conclude - sarebbe un grave disastro, l'ammissione di una sconfitta». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×