Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pallanuoto, buon turno per le squadre etnee
La Strano light batte la capolista Napoli

I ragazzi catanesi hanno vinto contro i primi in classifica della serie A2, la Circolo Canottieri Napoli. Continua dunque a rimanere inespugnato il fort Zurria. Vittoria anche per i piccoli dell'under 15 che hanno giocato contro la Polisportiva acese e pareggio, invece, per Waterclub Catania in serie B. Congratulazioni e tirate di orecchie da parte degli allenatori

Redazione

Vittoria sul filo di lana per la Strano Light Nuoto Catania, terza in classifica, contro la capolista Circolo Canottieri Napoli. Giocare a Zurria, in casa, significa sempre avere un uomo in più per i rossazzurri allenati da Peppe Dato: il pubblico. Sempre numeroso e incitante, infatti, è capace di dare un supporto importante e spingere la squadra dalla tribuna. 13 a 12 è il risultato finale di una gara intensa, combattutissima e sempre in equilibrio, dai nervi tesi e dal grande agonismo, che ha visto fronteggiarsi due ottime squadre, non per niente entrambe al vertice della classifica.

Una vittoria importante in chiave classifica, ma anche per il morale, perché permette ai ragazzi allenati di mister Dato di riscattare la brutta prestazione rimediata ad Anzio. «Sarei stato felice della prestazione anche senza la vittoria - commenta l'allenatore - Se giochiamo così, infatti, possiamo fare molto. I ragazzi sono stati all'altezza del compito e hanno dimostrato di essere maturati molto – aggiunge – e di poter aspirare a vetrine sempre più prestigiose».

Una partita bella e difficile, quella con i partenopei, caratterizzata da un arbitraggio a tratti nevrotico come testimonia l’elevato numero di cartellini rossi, tre in totale. «Il match è stato bellissimo – sottolinea il presidente della Strano Light, Francesco Scuderi  – peccato per gli arbitri che hanno incattivito la partita rendendola nervosa. Fortunatamente non ci siamo fatti prendere dal nervosismo e siamo riusciti a portare a casa i tre punti».

Dopo le partite di sabato scorso, poco o nulla cambia ai fini della classifica. Rimane salda al comando la Canottieri Napoli con 30 punti, mentre sale al secondo posto - scavalcando la Nuoto Catania che dunque va al terzo - Roma Vis Nova. Chiudono la classifica As Roma 2007 con soli cinque punti, Basilicata Nuoto 2000 con nove punti e Acicastello e Rn Cagliari con tredici.

Pareggio casalingo, invece, per la Waterclub Catania contro i cugini della Rn Palermo 8910 a 10 il risultato di una partita beffa che la squadra etnea poteva chiudere fin da subito. «I primi due tempi abbiamo comandato – afferma mister Salvo Cacia – poi c'è stato il blackout totale e gli avversari sono riusciti a recuperare. Sono mancate aggressività e convinzione per cercare il risultato pieno».

E domenica sono scesi n acque anche gli under 15. La Nuoto Catania ha trionfato contro la Polisportiva Acese per 11 a 8. «Oggi in vasca c'erano tre ragazzi dell'under 13 - ha commentato l'allenatore Zoltan Fazekas - e io non posso che dirmi soddisfatto per una squadra che sta crescendo partita dopo partita. Se proseguiamo su questa strada - ha aggiunto - riusciremo a raggiungere l'obiettivo di vincere il girone».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×