Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Palagonia, il primo sopralluogo nel bene confiscato da anni
Enel a nome del vecchio proprietario e olive appena raccolte

Due giorni fa lo Stato era rimasto fuori dai terreni di contrada Alcovia, il lucchetto che bloccava il cancello d'ingresso è stato tagliato. Adesso resta il problema della sorveglianza: «Si potrebbe pensare a delle telecamere di videosorveglianza», dicono gli attivisti

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

È stato tagliato il catenaccio che, due giorni fa, ha impedito l'accesso nel bene confiscato alla mafia lungo la strada statale 74 in contrada Alcovia a Palagonia. Al di là del cancello, ci sono più di cinque ettari di agrumeti con piante cariche di arance e mandarini ancora acerbi, una villetta di campagna con tutti gli arredi in ordine e diversi garage pieni di attrezzi agricoli. E non solo. In uno di questi locali sono accatastate 24 cassette di olive appena raccolte

Da un decennio, i vecchi proprietari non avrebbero più dovuto metterci piede e, invece, ci sarebbero dei segni della loro presenza. La fornitura di energia elettrica - che è stata disattiva proprio durante il sopralluogo dai tecnici dell'Enel - risultava ancora attiva e intestata a nome di Domenico Piticchio. Il marito di Giovanna Sangiorgi, la sorella dell'ex consigliere provinciale dell'Udc Antonino Sangiorgi, che è stato anche assessore a Palagonia sotto la giunta del sindaco Fausto Fagone. Secondo i giudici, sarebbe stato proprio Sangiorgi - che è stato condannato definitivamente a cinque anni e quattro mesi nell’inchiesta Iblis della Dda di Catania che ha messo sullo stesso piano mafia, politica e mondo imprenditoriale - il vero proprietario del bene

«Finalmente siamo riusciti a entrare e a effettuare il sopralluogo in questo bene», dice a MeridioNews Matteo Iannitti de I siciliani giovani, che insieme all'Arci e all'Asaec si occupa, da tempo, delle criticità e delle anomalie venute fuori su diversi beni confiscati nella provincia etnea. «Il curatore dall'Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata Angelo Bonomo ha mantenuto l'impegno», aggiunge l'attivista. Adesso, però, con il nuovo catenaccio al cancello resta comunque un problema di sorveglianza. «I carabinieri ci hanno detto che non possono garantire una sorveglianza 24 ore su 24 - spiegano gli attivisti - Si potrebbe, però, pensare a delle telecamere per evitare che il bene venga vandalizzato e distrutto».  

Un agrumeto di più di cinque ettari in parte anche curato di recente (nei tronchi degli alberi, infatti, è ancora fresca la calce bianca), una piscina con dell'acqua ristagnante. Entrando nella casa di campagna si vede che non è abitata ma è, comunque, in ottimo stato. Letti rifatti perfettamente con quadri di santi al capezzale, cornici con foto di famiglia, una scopa e uno mocio accanto al piano cottura della cucina. Alcune stanze, invece, sembrano essere state trasformate in sgabuzzini: scatoloni pieni di oggetti, peluche ammonticchiati sul pavimento e perfino due manichini. Davanti alla casa del custode c'è anche una brace da giardino con il carbone. In uno dei garage ci sono poi 24 cassette di olive appena raccolte (che potrebbero fare ottenere circa 50 litri di olio) che adesso rischierebbero di andare a male. «Abbiamo già fatto richiesta all'Agenzia dei beni confiscati - dice Dario Pruiti dell'Arci - per potere essere noi a occuparci della loro lavorazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×