Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, l'attesa senza fine per tamponi e risultati
«Positiva e in isolamento ma non trovavano il mio nome»

La denuncia di Mariacristina attraverso le pagine di MeridioNews. Costretta a casa dal 21 ottobre, avrebbe terminato il periodo di quarantena domiciliare ma, dopo diversi giorni, non conosce ancora l'esito del test a cui è stata sottoposta dopo una lunga trafila

Marta Silvestre

Foto di: Nate Neelson

Foto di: Nate Neelson

«Assurdo e irragionevole». Prende in prestito gli aggettivi utilizzati dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci quando la Sicilia è diventata zona arancione, Mariacristina Calanna. La 31enne di Tremestieri Etneo li cala per descrivere uno spaccato della realtà del sistema sanitario regionale con cui, da giorni, stanno dovendo fare i conti lei e il suo fidanzato catanese Sebastiano. «Purtroppo - lamenta la giovane a MeridioNews - ho potuto constatare in prima persona le gravi carenze nel gestire la crisi sanitaria dovuta al Covid-19 da parte dell'Asp di Catania». Nella storia raccontata alla ragazza, al nuovo coronavirus si legano ritardi e difficoltà di comunicazione tra le varie realtà che dovrebbero prendere in carico i pazienti. 

«Il primo a scoprire la positività al Covid, il 20 ottobre, è stato il mio ragazzo - racconta Mariacristina - L'indomani anche io sono andata nello stesso laboratorio privato per effettuare il test molecolare». È il giorno dopo quando la 31enne scopre di essere stata contagiata. «Comincia, così, la trafila di burocrazia fatta di attese». Il 24 ottobre alla ragazza arriva via mail il provvedimento che dispone l'isolamento fiduciario a partire dal 22 ottobre. «Durante quella settimana - continua la ragazza - ho ricevuto la telefonata dall'Asp in cui mi dicevano che al decimo giorno sarebbero venuti a casa per rifare il tampone». Il 31 ottobre e nemmeno l'1 novembre, però, non si presenta nessuno. E Mariacristina continua a vivere isolata nella sua stanza - con annesso bagno - senza contatti nemmeno con i familiari conviventi. «Pur risultando negativi dal tampone rapido, nemmeno loro possono uscire di casa in quanto miei contatti diretti». 

Il motivo del mancato appuntamento con l'Asp, la 31enne lo ha ricostruito dopo essere riuscita a mettersi in contatto con l'Usca di Gravina di Catania. «La persona che mi ha risposto al telefono - spiega - mi ha detto che il mio nominativo non risultava nell'elenco delle persone da sottoporre a tampone». Per la ragazza si tratterebbe di una mancata corrispondenza tra l'azienda sanitaria e l'unità speciale di continuità assistenziale. Lasciati tutti i dati all'Usca, l'indomani Mariacristina viene sottoposta al test domiciliare. «I risultati sarebbero dovuti arrivare entro un paio di giorni - lamenta - e, invece, da lunedì scorso a oggi non ho ancora ricevuto nessun esito». Una settimana durante la quale la ragazza ha provato a contattare l'Asp sia per telefono che via mail. «Non ho mai ricevuto risposta - denuncia - e se resto ancora segregata in camera mia è solo per il forte senso civico e di responsabilità. So che la mia situazione non è un caso isolato e mi preoccupa perché non tutti ragionano come me e il rischio è che escano di casa e continuino a diffondere il virus».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×