Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Quirinale, #Occupypd anche sotto l'Etna
«I dirigenti devono ascoltare la base»

L'onda di #Occupypd è arrivata anche a Catania. Fino a tarda notte i Giovani Democratici hanno occupato l'appartamento di via Umberto. In tutta Italia sono state 150 le iniziative simili, nel tentativo di lanciare un messaggio ai dirigenti del partito: abbandonare l'intesa con il Pdl e prestare ascolto alla base. Nel capoluogo etneo nessun commento dai big, mentre arrivano messaggi di solidarietà dall'esterno del Pd. «Vogliamo intestarci un dialogo con i grillini perché su molte cose ci troviamo d'accordo», spiega il responsabile nazionale alla Cultura, il catanese Daniele Sorelli

Salvo Catalano

Il tam tam è partito ieri mattina, mentre il primo turno di votazione per eleggere il nuovo presidente della Repubblica dichiarava morto l'accordo tra Pd, Pdl e Scelta Civica sul nome di Franco Marini. Tra i Giovani Democratici è iniziato un fitto scambio di email e telefonate per organizzare l'occupazione delle sedi del partito in tutta Italia e lanciare un forte messaggio simbolico: noi non ci stiamo. A Catania, unico capoluogo della Sicilia coinvolto nell'iniziativa, in quaranta circa hanno scelto il quartier generale di via Umberto. Ma occupazioni si sono verificate anche ad Adrano e Randazzo. «In tutta Italia le sedi occupate sono state circa 150 - precisa Daniele Sorelli, tra i promotori dell'iniziativa a Catania e delegato nazionale alla cultura dei Giovani Democratici - Siamo rimasti fino a tarda nottata, perché sapevamo che stamattina a Roma ci sarebbe stata la riunione per decidere il nuovo nome da proporre e crediamo che Prodi sia una candidatura importante che rompe la collaborazione con il Pdl».

Secondo Fausto Raciti, deputato del Partito Democratico originario di Acireale e segretario nazionale dei Giovani Democratici, «è complicato unire il Parlamento se il primo a non essere unito sei tu». La protesta spontanea è nata «a seguito della confusione e dalla rottura dentro il Pd», spiega Raciti che però sottolinea l'intento costruttivo, «un messaggio opposto rispetto a chi ieri bruciava le tessere del partito».

I Giovani Democratici non si prendono i meriti del cambio di rotta, ma sperano che il loro gesto abbia dato un contributo. «Abbiamo deciso di occupare quella che riteniamo casa nostra - spiega Sorelli - per far capire ai dirigenti del partito che noi avremmo preso una decisione diversa se fossimo stati al loro posto e che quando non si ascolta la base si commettono degli errori». La provocazione è piaciuta più fuori dal Pd che al suo interno. Centinaia i messaggi su Twitter che ha fatto da cassa di risonanza grazie all'ashtag #occupypd. A Catania Matteo Iannitti, di Rifondazione Comunista, è andato a trovare gli occupanti. «Nessuno della dirigenza locale si è fatto sentire con noi - sottolinea Sorelli - gli unici a comunicarci il loro sostegno sono stati Enzo Napoli e Luca Spataro». Il primo fa parte del comitato che gestisce il partito dopo le dimissioni dello stesso Spataro da segretario provinciale. Mentre a livello nazionale è arrivata la solidarietà dei renziani e dell'area più a sinistra.

In via Umberto si sono ritrovati in una quarantina, provenienti dalle diverse anime del partito: sostenitori di Giuseppe Berretta, membri del comitato per Enzo Bianco, giovani della Cgil. «E' vero, fino a qualche settimana fa eravamo distanti su alcune idee - ammette Sorelli - ma a differenza dei dirigenti, sappiamo essere uniti nei momenti importanti».

Il nome di Romano Prodi convince i Giovani Democratici, ma fino a ieri ad accendere il dibattito è stato Stefano Rodotà, candidato dei grillini. «Ne abbiamo discusso molto tra di noi e ci ha messo in difficoltà - continua Sorelli - perché si tratta di un nome straordinario, ma che è stato proposto per rompere e non per unire». Tuttavia, mentre il dialogo tra i dirigenti del Pd e i capi del Movimento cinque stelle appare quasi impossibile, tra i giovani il confronto è già in atto. «Vogliamo intestarci questo dialogo perché su molte cose ci troviamo d'accordo - precisa il responsabile nazionale alla Cultura - ma a Catania per esempio è difficile capire con chi parlare visto che esistono due meetup».

Nel frattempo hanno deciso di interrompere l'occupazione, ma continuano a seguire da lontano quello che succede alla Camera, con una speranza: «Stasera speriamo di festeggiare per l'elezione di Prodi come nuovo presidente della Repubblica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews