Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pedara, sopralluogo di beni confiscati a Rizzo Costruzioni
Chiavi sparite e ritrovate, occupazioni e il Caso Catania 

Tre immobili intestati alla ditta di Carmelo Rizzo, il boss ammazzato nel 1997, attendono di ritornare alla collettività. Solo uno è libero, gli altri sono occupati da una donna e dal figlio. Per l'associazione Ultreya «non saranno liberi prima di febbraio»

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Il cancelletto di via Marconi 107, a Pedara, è sbarrato. I Siciliani giovani, Arci, Ultreya e Asaec, le associazioni che hanno presentato richiesta, attendono il proprio turno per procedere al sopralluogo di tre immobili confiscati alla mafia. Affacciata alla finestra c'è una coppia di curiosi intenti a osservare la gente ferma davanti all'ingresso del complesso residenziale. A fare la spola tra gli appartamenti e l'ingresso sono la coadiutrice incaricata dall'agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni confiscati Maria La Raffa e un suo delegato. Dei tre immobili contigui che verranno affidati alla collettività dopo la selezione dei progetti, solo uno è libero. Gli altri, riuniti in uno solo a seguito della realizzazione di un'opera di ristrutturazione, sono occupati da una donna e dal figlio

Già a ottobre, ciò aveva impedito il sopralluogo e giovedì ha spinto qualcuno a non varcare la soglia dell'abitazione occupata. «Eravamo già venuti - spiega a MeridioNews Matteo Iannitti de I Siciliani Giovani - ma l'ultima volta siamo riusciti a entrare in uno solo dei tre immobili, perché gli altri risultavano occupati». A complicare le cose una paventata sparizione delle chiavi dell'edificio che, per qualche giorno, avrebbe contribuito ulteriormente a rendere impossibile la visita. «Adesso le chiavi sono spuntate come per magia», commenta a MeridioNews Annalisa Schillaci, presidente di Ultreya, l'associazione pedarese capofila di altri quattro enti locali. A complicare le cose ci sono le carte. La planimetria e la visura catastale non risultano ancora aggiornate rispetto alla concreta evoluzione degli immobili, come per i due che adesso formano un unico bene e la nuova assegnazione dei numeri civici non corrispondente a quella indicata negli atti. 

In mezzo c'è una storia che risale a più di trent'anni fa e rievoca i tempi in cui l'abusivismo edilizio e la cementificazione incontrollata la facevano da padroni. Nel caso in questione, la vicenda segna la fine di una storia che comincia nel 1995 quando gli immobili vengono registrati al catasto a nome della Rizzo Costruzioni srl, ditta dell'imprenditore Carmelo Rizzo, legato alla mafia e morto ammazzato nel 1997. Lo stesso che vent'anni prima balzava agli onori delle cronache nel noto Caso Catania, perché con la Di Stefano Costruzioni e altre aziende sempre da lui gestite, ha contribuito ad accrescere l'impero edilizio dei Laudani a San Giovanni La Punta. Lo stesso che costruì una villa finita al centro delle polemiche perché acquistata dall'allora procuratore Giuseppe Gennaro, ex capo dell'associazione nazionale magistrati (Anm), scomparso nel 2015. L'uomo, sempre Rizzo, a cui il gruppo appartenente ai Santapaola-Ercolano aveva affidato la gestione degli affari immobiliari nel territorio pedemontano. «Addirittura - sottolinea Iannitti - sembra che l'immobile vuoto sia stato adibito a ufficio della ditta perché abbiamo trovato i faldoni della Rizzo Costruzioni». La stessa azienda che ha venduto la casa alla famiglia che risiede in uno degli immobili oggetto di confisca e la cui sorte, per chi come loro ha siglato un compromesso di vendita, è appesa a un filo. 

«Queste persone - spiega Annalisa Schillaci - sono in possesso di un titolo legittimo che però è stato seguito da un provvedimento di confisca. Che gli occupanti debbano andare via è chiaro - continua - ma è anche vero che, fino a quando i beni non verranno assegnati, è inutile buttarli fuori sotto Natale e in piena pandemia». Stando alla ricostruzione di Schillaci «anche se lo sgombero avrebbe dovuto essere eseguito già molto tempo fa, non se ne parlerà prima di febbraio». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×