Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vendita Auchan Porte Catania, 54 lavoratori a rischio
Timori pure per quelli dell'ipermercato di Misterbianco

La denuncia e del segretario generale Filcams Cgil insieme al responsabile Commercio della sigla sindacale. Dietro «il triste epilogo» c'è l'acquisizione a livello nazionale da parte di Conad. «Si tratta di un massacro sociale», spiegano

Redazione

Un «triste epilogo». Sono le parole utilizzate dal segretario generale della Filcams Cgil, Davide Foti, e dal responsabile del settore Commercio, Francesco Munzone, per bollare gli sviluppi del maxi paino di acquisizione dei punti vendita del gruppo francese Auchan nel territorio etneo. L'operazione economica, che si sviluppa a livello nazionale, vede in primo piano Conad. Nel territorio etneo a destare maggiori preoccupazione per la salvaguardia dei posti di lavoro è la situazione dell'ipermercato Porte di Catania dove, secondo le stime del sindacato, «si rischia di tagliare fuori 54 lavoratori».

Conad a livello nazionale ha effettuato una prima acquisizione dei punti vendita tramite la controllata Margherita Distribuzione. Ieri, invece, si sarebbe conclusa la procedura di cessione di un ramo d'azienda tra la stessa Margherita e Pianeta Cospea, azienda che opera in franchising per il gruppo Conad nel sud Italia. «Dimezzando le attuali superfici e modificando radicalmente la struttura e l'organizzazione del punto vendita di Porte di Catania - spiega la Cgil - acquisisce 125 lavoratori su 189. Dieci hanno accettato un incentivo all'esodo e quindi l'accordo espelle di fatto 54 addetti, adesso in attesa di una seconda fase che si annuncia complicata».

Forti preoccupazioni però riguardano anche il punto vendita di Misterbianco, dove lavorano 150 persone. «Attualmente non esiste alcun progetto industriale o di riqualificazione - concludono Foti e Munzone - Daremo battaglia a Conad per impedire questo massacro sociale e tuteleremo in tutte le sedi istituzionali e legali i lavoratori coinvolti in questo tragico momento». A ottobre dello scorso anno era scattato un maxi sciopero davanti il centro commerciale Conca d'Oro di Palermo. Secondo le stime dei sindacati i dipendenti coinvolti nel passaggio di proprietà sono 800 in tutta la Sicilia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×