Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pd, turbolenze da Roma a Catania
Berretta: «Il vero tabù è non governare»

Dopo le votazioni per il nuovo presidente della Repubblica, onorevoli e senatori rientrano a casa. All'aeroporto romano di Fiumicino, tra gli altri, c'è anche Giuseppe Berretta, onorevole Pd di rientro nel capoluogo etneo. Provato ma non sorpreso, parla del futuro del partito, del confronto possibile con il Pdl e di quello ormai difficile con il M5s. Uno scenario complesso anche alle pendici dell'Etna, in vista delle comunali che vedono finora candidato al suo posto Enzo Bianco

Claudia Campese

Le votazioni nella capitale per il nuovo presidente della Repubblica italiana - che portano alla rielezione di Giorgio Napolitano - si concludono intorno alle 18. Giusto in tempo per permettere a senatori e onorevoli il rientro a casa. L'aeroporto di Roma Fiumicino, in attesa dei voli della sera, si trasforma in una delle più frequentate passerelle politiche della città. Tra questi c'è anche l'onorevole Pd Giuseppe Berretta, in rientro a Catania. Sulla scaletta che lo porta all'aereo, controlla per l'ultima volta - prima di spegnerlo - il suo cellulare. La pagina Facebook del deputato segnala un numero di messaggi a tre cifre: la maggior parte insulti post-votazione. Mentre risponde alle domande di CTzen, Berretta appare stanco ma non sorpreso dal clima concitato di questi giorni all'interno del suo partito. Che nel capoluogo etneo assume un doppio significato in vista delle elezioni amministrative in cui il Pd ha scelto senza primarie la candidatura di Enzo Bianco al posto proprio di quella di Berretta.

Onorevole Berretta, quello che è successo a Roma cambia gli scenari anche a Catania in vista delle amministrative?
«Certamente si apre una fase complicata e turbolenta per il Partito democratico che esce da questa vicenda decapitato e comunque in una condizione di forte fibrillazione interna. Questo crea problemi dappertutto e di certo non aiuta in una fase elettorale».

Ascolta la risposta completa

Ad oggi può dire di stare pensando a rimettere in campo la sua candidatura a sindaco di Catania?
«Ho sentito che oggi Enzo Bianco ha presentato ufficialmente la sua candidatura. Non sono andato perché ero a Roma e magari non sarei andato comunque, ma ormai una scelta è stata fatta e io posso dire che darò tutto il mio appoggio alla lista del partito».

Ascolta la risposta completa

Lei crede che, da qui a giugno, esisterà una lista unitaria del Pd da presentare alle amministrative etnee?
«Il Partito democratico è un progetto che rimane assolutamente integro. Il problema adesso è la piattaforma politica sulla quale si costruisce questo progetto. Credo sia arrivato il momento di affrontare alcuni nodi che in questi anni sono stati lasciati irrisolti e definire un'identità più chiara di questo partito. Di sinistra. Chi ci sta, ci sta».

Ascolta la risposta completa

Si arriverà secondo lei a una spaccatura? E, in quel caso, chi se ne andrà: voi o i renziani?
«Non sono certo che ci sarà una spaccatura. Ma credo che il congresso affronterà un maniera chiara il tema dell'identità. Renzi farà la sua battaglia congressuale. Esporrà le sue tesi e ci metteremo a confronto».

Ascolta la risposta completa

In tutta Italia stasera gli elettori del Movimento 5 stelle sono davanti alla prefetture e a Montecitorio, parlano di golpe. Lei come la vede?

«A me quello che preoccupa molto è questa idea che, nonostante le istituzioni democratiche funzionino e si voti, ci sia qualcuno che gridi al golpe. Bisognerebbe apprezzare che si riparta dopo una situazione di stallo, quella sì preoccupante. Io credo che un governo serva, per fare una serie di politiche che diano risposte ai problemi reali dei cittadini».

Ascolta la risposta completa

Non è quindi un tabù lavorare con il Pdl?
«Il tabù è non fare le cose, non dare risposte. Altrimenti alimentiamo l'antipolitica. Questo significa avere un governo, per poco tempo, e poi inevitabilmente ritornare alle elezioni. Realisticamente credo serva un anno».

Ascolta la risposta completa

E invece il confronto con il Movimento 5 stelle? Lei credeva nel modello Sicilia di collaborazione M5s-Pd?
«Io ci ho creduto molto ma devo dire che, dopo il confronto nazionale e la vicenda della presidenza della repubblica, credo che questa possibilità di sperimentare altrove quello che si sta facendo in Sicilia sia più complicato. Poi c'è una questione di rispetto delle istituzioni, come la marcia su Roma e non applaudire il nuovo presidente della Repubblica. Senza questo è difficile ripristinare un rapporto».

Ascolta la risposta completa

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×