Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo parcheggi, tutti assolti in appello
Ma traffico e mobilità restano nodi irrisolti

La Corte d'Appello ha assolto gli otto imputati nel processo per la costruzione di quattro parcheggi in centro. Tra loro anche l'ex sindaco Umberto Scapagnini, recentemente scomparso. I giudici hanno confermato la sentenza di primo grado e accolto la richiesta dell'accusa. Restano i problemi urbanistici per Catania e i cittadini sperano che i progetti recentemente approvati dall'amministrazione non rimangano solo sulla carta

Salvo Catalano

Tutti assolti, come già deciso in primo grado e come richiesto anche dall'accusa. La Corte d'Appello di Catania ha messo così la parola fine al processo sulla realizzazione dei parcheggi nel centro di Catania, iniziato nel 2007. Lo stesso procuratore generale Domenico Platania aveva chiesto l'assoluzione per gli otto imputati, tra cui l'ex sindaco Umberto Scapagnini, accusati a vario titolo di irregolarità nell'aggiudicazione degli appalti e di aver avvantaggiato gli imprenditori coinvolti con modifiche successive ai progetti inziali.

La sentenza della Corte d'Appello conferma quindi quanto deciso in primo grado. I cinque dipendenti comunali e i tre imprenditori imputati non hanno commesso reati. Oltre a Scapagnini, morto lo scorso 2 aprile, si tratta di Tuccio D’Urso, ex direttore dell’ufficio speciale per l’emergenza traffico, Mario ArenaSalvatore Fiore e Giovanni Laganà, componenti della commissione di valutazione. Per loro l'accusa era di abuso d'ufficio, in concorso con gli imprenditori Francesco Domenico CostanzoSebastiano Costanzo ed Ennio Virlinzi, legali rappresentanti dei quattro parcheggi oggetto del procedimento: piazza Vergavia Asiagopiazza Europa piazza Lupo. Ma due perizie tecniche volute dai giudici, sia in primo grado che in appello, hanno escluso un operato illecito degli imputati.

Nell'ultimo mese i temi legati all'urbanistica e ai trasporti sono stati al centro della cronaca cittadina. L'Amministrazione guidata da Stancanelli, quasi alla fine del suo mandato, è riuscita a far approvare il Pua, il mega progetto che cambierà l'aspetto della playa e che ha scatenato molte critiche, e il piano generale del traffico urbano, che va ad aggiungersi al lancio ufficiale del Bus rapido, in funzione tra il parcheggio scambiatore Due Obelischi e il centro. Si torna a parlare dunque di «cambiamento strutturale della mobilità in città, fondata cioè sul principio che non bisogna garantire la mobilità delle auto ma delle persone per muoversi in città», secondo le parole dell'assessore Santi Cascone. Eppure quasi tutti parcheggi scambiatori che il piano prevede di riattivare sono ancora chiusi. E arriva oggi la sentenza per quelli del centro, sette anni dopo il primo sequestro da parte della magistratura, undici anni dopo la loro progettazione. Furono pensati infatti nel 2002 da Umberto Scapagnini, allora primo cittadino del capoluogo etneo e nominato commissario straordinario per il traffico e l'emergenza sismica da Silvio Berlusconi.

Allora, come ora, infatti la mobilità a Catania era considerata un'emergenza e la costruzione di nove parcheggi all'interno della città, magari da collegare a quelli periferici,  era stata individuata come la soluzione al problema. Lo scorso autunno Lorenza Virlinzi aveva annunciato l'apertura della parte superficiale del parcheggio di piazza Europa per il mese di marzo, ma c'è stato un rinvio ad aprile. Degli altri progetti in piazza Verga, via Asiago e piazza Lupo, bloccati dalla magistratura, non c'è traccia. Dei restanti quattro rimangono solo le intenzioni di dieci anni fa.

Ecco perché, ad esempio, all'indomani dell'approvazione del piano generale del traffico urbano, l'associazione Salvacicilisti si è detta soddisfatta, ma si è affrettata a precisare: «C’è ancora tanto da discutere e bisogna vedere se i progetti previsti resteranno solo sulla carta». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.