Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

M5s, i parlamentari chiedono aiuto sul Def
Giulia Grillo: «Questa è democrazia diretta»

«Inviateci le vostre osservazioni sul Documento di Economia e Finanza». Il Parlamento sarà a breve chiamato al voto sulle politiche economiche per il 2013. E Giulia Grillo, deputata catanese del Movimento cinque stelle chiede aiuto via email agli iscritti catanesi del Meetup Catania 2, il gruppo verde, fornendo anche un sommario diviso per pagine. E una richiesta d'aiuto viene anche dalla senatrice Nunzia Catalfo, come riferisce il secondo gruppo catanese, quello cosiddetto bianco. «Contatteremo i nostri esperti regionali» spiegano  da via Androne

Leandro Perrotta

«Vi chiediamo di dare un contributo con le vostre osservazioni». Non bastano le partecipazioni popolari in piazza al Movimento cinque stelle: in nome della «democrazia diretta che stiamo in tutti i modi cercando di attuare», la portavoce a cinque stelle Giulia Grillo, deputata a Montecitorio, chiede online un aiuto concreto per districarsi nel Documento di Economia e Finanza. Si tratta dell'atto cardine per tutte le politiche economiche italiane, varato dal Consiglio dei ministri lo scorso 10 aprile, e da adottare obbligatoriamente «a norma della legge 196 del 2009».

«Abbiamo la possibilità di presentare sia una relazione che una risoluzione di minoranza - spiega la deputata - contenente le nostre osservazioni entro il 29 Aprile 2013, ossia lunedì prossimo». Una richiesta fatta pubblicamente a tutti i membri del Meetup Catania 2, il cosiddetto gruppo verde del M5s Catania, con sede in via Ipogeo . E, per facilitare il compito nell'esame di «un documento estremamente tecnico»,  disponibile online sul sito della Camera dei deputati - allega anche un breve sommario degli argomenti, specificando le pagine in cui trovare i vari argomenti. Se  «Questo per consentire a ognuno di voi di dare il proprio contributo in base alle proprie conoscenze specifiche. Cercheremo di sintetizzare i vari contributi nella relazione» conclude la deputata grillina.

E richiesta analoga viene anche dai senatori catanesi del M5s, come quella di Nunzia Catalfo, che si è rivolta via email ai referenti provinciali del M5s. E l'email è arrivata anche al secondo gruppo catanese, quello cosiddetto bianco con sede in via Androne. «Abbiamo ricevuto richiesta analoga dalla senatrice, e nel pomeriggio valuteremo in riunione se e come contattare i nostri esperti locali, già inseriti nel nostro database per il lavoro nelle commissioni parallele regionali», spiega Benedetto Amata. Si attende quindi un super carico di lavoro per gli esperti regionali simpatizzanti del M5s, già impegnati a dare supporto ai membri ai cittadini a cinque stelle in seno all'Assemblea regionale siciliana nell'esame del Bilancio della Regione Sicilia, anche questo atteso al voto in aula nei prossimi giorni. «A livello nazionale le commissioni parallele non sono ancora state attivate, è un passaggio sul quale dobbiamo ancora lavorare», conclude l'attivista grillino.

[Foto di anpasnazionale]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×