Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aggredito il direttore medico dell'ospedale Garibaldi
In tre cercavano di entrare in area Covid dal parente

Per Sebastiano De Maria c'è una prognosi di dieci giorni. Gli uomini che lo hanno aggredito sono riusciti a dileguarsi ma le forze dell'ordine stanno visionando le telecamere per riuscire a identificarli. «Non meritiamo questo trattamento»

Redazione

Nella giornata di ieri, il direttore medico di presidio dell'ospedale Garibaldi-Centro di Catania Sebastiano De Maria è stato aggredito da tre uomini, mentre era in servizio per l’emergenza Covid.

Durante un giro di verifica dei percorsi di sicurezza, all’interno dell’ospedale, il medico ha notato alcune persone intente a superare i limiti individuati per l’emergenza, per accedere all’interno della zona riservata alle centrali dei Covid-team, probabilmente per aggirare gli accessi controllati del reparto degenza, dove era ricoverato un loro congiunto

Accortosi della situazione De Maria ha invitato il gruppo a lasciare immediatamente gli ambienti, ricevendo una reazione violenta e un’aggressione fisica che ha gli ha procurato una prognosi di dieci giorni. «Non è la prima volta - ha detto Fabrizio De Nicola, direttore generale dell’Arnas Garibaldi - che accade una cosa del genere, ma mai mi sarei aspettato un’aggressione proprio in questo periodo. Gli operatori sanitari stanno andando oltre le proprie forze per aiutare la comunità a uscire dal tunnel della pandemia e non meritano un simile trattamento».

Subito dopo l’accaduto, i tre uomini si sono dileguati, ma l’episodio è stato denunciato alle autorità di pubblica sicurezza, cui potranno essere d’aiuto anche le immagini riprese dalle numerose telecamere di sorveglianza dell’ospedale. «Una vile aggressione ai danni di uno stimato professionista - commenta Luigi Aprea, il presidente della sezione siciliana dell’associazione nazionale dei medici di direzione sanitaria (Anmdo) - che in questi giorni, come sempre, presta il suo servizio senza limiti di orario e con impegno e competenza. Non vogliamo essere chiamati eroi, non lo siamo - conclude - Siamo professionisti seri e impegnati». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×