Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Furto al Campo San Teodoro Liberato
I Briganti: «Amarezza, ma andiamo avanti»

A pochi giorni dal primo anniversario della liberazione del centro sportivo comunale occupato, i ragazzi della squadra di rugby ricevono una brutta sorpresa. Nella notte tra domenica e lunedì, dei ladri sfondano un muro e portano via tutti gli attrezzi necessari per il mantenimento del Campo. Ma i briganti non si perdono d'animo. «Abbiamo subito ricostruito la parete. Ora pensiamo al 25 aprile e al torneo di domenica»

Federica Motta

«Enorme tristezza e un danno di circa duemila euro». Scrivono così i ragazzi del Campo San Teodoro liberato sulla loro pagina Facebook. «Ma non è la prima volta che accade. E probabilmente non sarà nemmeno l'ultima», ci dice Piero Mancuso, fondatore dei Briganti Rugby. Eppure era quasi un anno che non si verificavano furti né atti vandalici. Da quando i ragazzi della squadra e gli attivisti del Centro Iqbal Masih, con l'aiuto di amici e comuni cittadini, avevano occupato e ripulito il centro sportivo abbandonato dal Comune, a Librino. «La prima volta sono entrati un paio di settimane fa da una porta che distrattamente avevamo chiuso male. Ma non avevano rubato nulla di importante. Questa volta hanno sfondato un muro e portato via decespugliatore e tagliaerba, ma anche il trapano e la sega circolare. Tutte cose necessarie per il Campo».

«Immaginiamo sia accaduto tra la notte di domenica e lunedì», spiega Mancuso. «Ad accorgersi del furto, ieri pomeriggio, sono stati i ragazzi dell'under 20 che il lunedì allenano i più piccoli. E che, nonostante la pioggia, erano andati al Campo per ripulire gli spogliatoi in vista del torneo di domenica. Allarmati e arrabbiati, dopo aver visto il buco nella parete del club house, ci hanno subito chiamato», racconta Mancuso. «Poi in un paio d'ore di lavoro abbiamo rimesso su il muro. Ma non è quello che ci dispiace. Sappiamo che sono cose che succedono», dice. «Resta l'amarezza perché era tutto materiale nostro, acquistato con sacrificio o in prestito. Senza contare che molte delle cose rubate, serviranno nell'immediato». Attrezzi necessari per il normale mantenimento del Campo e per mandare avanti quel cantiere aperto un anno fa, nel giorno della Liberazione. E che oggi ha portato i ragazzi a raccogliere tante soddisfazioni. Dall'apertura del campo da gioco, all'inaugurazione del club house. Un spazio libero e aperto a quanti, giocatori e non, abbiano voglia di mettersi in gioco a Librino, per i Briganti e per la città.

«Ora dovremo trovare le risorse per ricomprare tutto. Abbiamo un nostro fondocassa, ma duemila euro per noi sono tanti. E ci auguriamo di raccogliere quanti più fondi possibili con l'iuto di chi ci sostiene», conclude il presidente dei Briganti. «E se è vero che sul momento ci siamo arrabbiati, com'è normale - i ragazzi più di noi - non ci siamo stupiti», continua. «Rimane l'amarezza del furto, ma lo consideriamo un incidente di percorso. E andiamo avanti lo stesso, come prima. Ora l'appuntamento è per il nostro primo anniversario, il 25 aprile».

[Foto de I Briganti Rugby Librino]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×