Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Picanello, una donna è stata morsa da un randagio
«In zona, oltre me, ci sono state altre due vittime» 

La 45enne Lucia Mancino è stata aggredita da un cane in via Re Martino. «Mi ha azzannato dietro il ginocchio», racconta a MeridioNews. Una ferita per cui dall'ospedale ha avuto una prognosi di sette giorni. «Ho denunciato perché non capiti più»

Marta Silvestre

«E se ci fosse stato un bambino al posto mio?». È la domanda che ripete ogni volta che si ferma nel racconto Lucia Mancino, 45 anni. La donna che poco dopo le 8 del mattino dello scorso 22 dicembre, mentre camminava in via Re Martino, nel quartiere Picanello, è stata aggredita da un cane randagio. Un morso dietro al ginocchio che ha strappato i jeans di Lucia e le ha provocato una profonda ferita. «Non ho mai avuto paura dei cani ma, adesso, appena ne vedo uno per strada mi vengono gli incubi anche se è al guinzaglio con il padrone - racconta a MeridioNews - Anche perché non sono l'unica a essere stata aggredita dai randagi della zona».

Durante la sua passeggiata mattutina per il quartiere, mentre parla al cellulare con una amica, la donna nota due cani. «Entrambi meticci e di grossa taglia. Uno era marrone e l'altro era bianco con le punte delle orecchie di un beige scuro. Quest'ultimo - spiega - è quello che improvvisamente mi ha morso». I due cani sono sul marciapiede, Lucia è sulla strada. Tra loro ci sono anche le auto parcheggiate. «Non hanno abbaiato, non hanno ringhiato - ricorda - Loro mi sono sembrati tranquilli e, quindi, anche io sono rimasta serena e ho continuato a camminare. Fino a quando mi sono sentita azzannare dietro il ginocchio».

A soccorrere Lucia e a chiamare l'ambulanza sono stati i dipendenti di un distributore di benzina che si trova nei paraggi. La donna viene portata all'ospedale Cannizzaro per essere medicata. Niente punti ma una prognosi di sette giorni. «Mi hanno subito fatto l'antitetanica e mi hanno prescritto una cura di antibiotici che sto ancora prendendo: con il morso di un cane, il rischio di infezioni è alto», dice. È quando va in farmacia che Lucia scopre di non essere la prima vittima del randagio. «Una delle dottoresse mi ha detto che quello stesso cane ha morso anche lei - riporta la donna - e che anche un'altra cliente le aveva raccontato la stessa disavventura». 

Ieri Lucia ha presentato una denuncia ai carabinieri. «Il randagismo è una questione che il Comune deve pensare a risolvere perché - conclude Lucia - io spero che non capiti a nessuno quello che è successo a me». Intanto, la direzione Politiche per l'ambiente, il verde e l'energia del Comune di Catania ha indetto una gara per l'affidamento del servizio di custodia e mantenimento in vita dei randagi tutelati nel ricovero per 45 giorni. I plichi saranno aperti nella tarda mattinata di domani. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×