Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, rilasciati i due militanti arrestati
Il ministero impugna la revoca della Regione

Nonostante l'accordo tra il governo regionale e quello nazionale di sottomettere il destino delle antenne satellitari Usa alle nuove analisi dell'istituto nazionale di Sanità, l'avvocatura di Stato ha impugnato ieri la revoca dell'autorizzazione ai lavori statunitensi a Niscemi disposta dal governatore Rosario Crocetta. Mentre gli attivisti continuano a manifestare, oggi anche a Catania, il giudice calatino ha rilasciato Turi Vaccaro e Nicola Arboscelli, arrestati due giorni fa per aver fatto irruzione alla base militare. Guarda il video

Claudia Campese

«La novità è che l'avvocatura di Stato ha impugnato, per conto del ministero della Difesa, i provvedimenti di revoca della Regione Sicilia. Si apre così una fase di crisi istituzionale con un braccio di ferro tra il ministero, che sosterrà le ragioni del governo statunitense, e la Regione, a cui tocca invece difendere gli interessi locali». Così l'avvocato Sebastiano Papandrea, consulente No Muos, sintetizza le novità sul fronte legale della battaglia all'impianto di antenne militare statunitense in costruzione a Niscemi. Uno scontro tra il governo regionale e quello nazionale che non illude i manifestanti. «Le carte sono abbondantemente truccate - commenta Alfonso Di Stefano del comitato No Muos Catania - Per questo siamo stati costretti a mettere in atto forme di protesta più dure che finora avevamo evitato». Come l'irruzione nella base Usa di Niscemi che ha portato all'arresto di due militanti, oggi rilasciati. Mentre a Caltagirone si svolgeva l'udienza, a Catania si è tenuta una manifestazione di solidarietà nei loro confronti. Con tanto di bandiera No Muos sventolante sulla statua di Vincenzo Bellini in piazza Stesicoro.

http://youtu.be/BWuDP4qUCAI

Il giudice calatino intorno all'ora di pranzo ha deciso di non convalidare l’arresto di Turi Vaccaro e Nicola Arboscelli, in quanto non sussiste il reato di resistenza alle forze dell'ordine in un primo momento contestata ai due. I manifestanti sono quindi liberi di tornare al presidio. Valutati i video forniti dalla polizia - cinque dvd dei momenti di tensione a Niscemi - il giudice ha ritenuto che le lesioni provocate dai due siano state involontarie. Nella ricostruzione fatta in udienza, prima di entrare nella base Nicola - cadendo e rialzandosi - avrebbe colpito involontariamente allo zigomo il commissario di polizia Presti. Nei loro confronti restano però le accuse di danneggiamento e invasione di area militare che è possibile estinguere con una semplice ammenda.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×