Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bella ciao, storia di una canzone
Inno di parte, specchio dell'Italia di ieri

In occasione del 70esimo anniversario della festa della Liberazione, riprendiamo dall'archivio del magazine Step1 un articolo del docente di Storia contemporanea di Unict Luciano Granozzi. Come mai è diventata l'’inno ufficiale della Resistenza, anche se molti partigiani del Nord non la conoscevano nemmeno? Una strana vicenda che aiuta a capire il passato recente

Luciano Granozzi

Non preoccupatevi: non si tratta di un falso. La circolazione di Bella ciao, durante la Resistenza, è documentata. Tuttavia essa risulta per lo più circoscritta alle zone del reggiano o attorno a Bologna. E in generale fu cantata pochissimo, a vantaggio soprattutto di un’'altra canzone, Fischia il vento, riconosciuta nell'immediato dopoguerra come il canto della Resistenza per antonomasia e come l'’inno semi-ufficiale delle Brigate Garibaldi.

C'’erano anche molte altre canzoni abbastanza popolari, seppure non in linea con la componente comunista. Come La Badoglieide, ironica, sarcastica, del tutto irriverente nei confronti del re e del suo primo ministro ex fascista: «O Badoglio, o Pietro Badoglio / ingrassato dal Fascio Littorio / col tuo degno compare Vittorio / ci hai già rotto abbastanza i coglion»; o come l’'altra – Pietà l'’è morta scritta da Nuto Revelli. Lo scrittore Beppe Fenoglio, nel Partigiano Johnny, la definisce come una «vera e propria arma contro i fascisti». E in effetti il verso finale «Tedeschi e fascisti fuori d'’Italia!», scandito sulle note di un’'aria della Prima guerra mondiale, ha un timbro abbastanza impressionante e una qual certa solennità.

Ma torniamo a Bella ciao, semi sconosciuta. Come e quando cominciò a diventare popolare? Siamo ormai a quasi vent'anni dalla conclusione della guerra. In quel periodo dei primi governi di centro-sinistra si compie quella che Cesare Bermani, autore di uno studio pionieristico sul canto sociale in Italia, riprendendo il concetto da Hobsbawm chiama «l’'invenzione di una tradizione». Accade cioè che Bella ciao, cantata durante la Resistenza soltanto da sparse formazioni emiliane, venga sempre più frequentemente preferita nelle manifestazioni ufficiali alla ben più consueta Fischia il vento.

E perché mai? Fischia il vento aveva molti difetti. Innanzitutto la musica. Visto che il testo era stato innestato sull'aria di una canzonetta sovietica, composta nel 1938 da Michail Isakovskij e Matvei Isakovic, nella quale si parlava dell'’amore per la bella Katiuscia di un soldato impegnato a difendere «la sua terra e la sua patria». Ma ben più imbarazzanti erano gli espliciti riferimenti socialisti e comunisti: «Fischia il vento, infuria la bufera, / scarpe rotte eppur bisogna andar, / a conquistare la rossa primavera, / dove sorge il sol dell’'avvenir». Passi per «il sol dell’'avvenir», tipico della vecchia simbologia socialista. Il guaio era che la primavera di cui si parlava nella canzone fosse incontestabilmente rossa; quando al massimo, coi governi di centro-sinistra, poteva tollerarsi il rosa pallido.

Bella ciao, al contrario, era assai più politically correct. Poco importava se molti partigiani del Nord non se la ricordavano affatto. Infatti, col suo riferimento all'’«invasor» di memoria risorgimentale e solo a quello –la canzone poteva andare benissimo non solo al Partito socialista, appena approdato al governo, ma anche alla Democrazia cristiana e persino alle Forze armate. Siamo più o meno al ventennale della Resistenza, cioè nel momento in cui la Resistenza si tricolorava come non mai, diventando il fondamento della «Repubblica nata dalla Resistenza». Le associazioni partigiane, protese nel massimo sforzo di ricerca di strumenti di unificazione, aderirono (sia pure con qualche opposizione della base) a questa definitiva conciliazione tra le varie anime della Resistenza, che trovò il proprio inno in Bella ciao in sostituzione di Fischia il vento.

Inoltre ci fu un dettaglio di non poca importanza. Giovanna Daffini, mondina e cantastorie, cantò davanti al microfono di Gianni Bosio e Roberto Leydi (ricercatori di musica popolare) una Bella ciao nella quale ai noti versi del partigiano che ha «trovato l’'invasor» era sostituita la descrizione di una giornata di lavoro delle mondine. Non parve vero di aver rintracciato l'’anello di congiunzione fra un inno di lotta, espressione della coscienza antifascista, e un precedente canto di lavoro proveniente dal mondo contadino. Nonostante qualche incongruenza e qualche sospetto, la versione venne accettata e il Nuovo Canzoniere Italiano nel 1964 partecipò al Festival di Spoleto con uno spettacolo dal titolo Bella ciao.

Questa versione delle mondine era davvero attendibile? No. Nel maggio del 1965 arriva una lettera all'Unità. La scrive Vasco Scansani, da Gualtieri, lo stesso paese della Daffini. Dice di essere lui l'’autore della Bella ciao delle mondine, e di averla scritta nel 1951, basandosi sulla versione partigiana. Dice che la Daffini gli ha chiesto le parole, nel 1963. Allarmatissimi i ricercatori del Nuovo Canzoniere Italiano interrogano Scansani e Daffini e parte un nuovo studio. Si individuano tracce di Bella ciao in vari canti popolari, non si esclude che fossero parte anche del repertorio delle mondine, ma non c'’è dubbio che la versione della Daffini è posteriore alla Bella ciao dei partigiani. E infine, nel 1974, saltò fuori un altro preteso autore di Bella ciao, ma di una versione del 1934. Ȓ Rinaldo Salvadori, ex carabiniere, che avrebbe scritto una canzone, La risaia, per amore di una ragazza marsigliese che andava anche a fare la mondina. Il testo, con versi come «tante genti che passeranno» e «bella ciao», glielo avrebbe messo a posto Giuseppe Rastelli, futuro autore di Papaveri e papere (politicamente più nero che rosso), ma la Siae dell’'epoca fascista ne avrebbe rifiutato il deposito.

A questo punto la vicenda delle origini della canzone si è fatta troppo ingarbugliata e non vale più la pena di seguirla in dettaglio. Cosa se ne impara? Si può capire che in Italia, pur in presenza di un movimento partigiano tra i più estesi d’'Europa, e che ha prodotto canzoni bellissime perché le canzoni sono sempre compagne delle lotte popolari, è stato particolarmente difficile avere un unico inno della Resistenza antinazista e antifascista. In Italia, patria del fascismo, fu difficile sintetizzare in una sola canzone un momento storico che racchiudeva in sé una guerra di liberazione, ma anche una guerra civile e una guerra di classe.

Nulla di paragonabile alla «marsigliese della resistenza» dei francesi: Les Partisans: chant de la Libération, creato nel 1943 a Londra e poi reso popolarissimo dalla magnifica interpretazione di Yves Montand. Il testo della canzone dei partigiani francesi è degno delle tradizioni rivoluzionarie di quel Paese e colpisce oltre che per il radicalismo dei riferimenti sociali –- Ohé partisans Ouvriers et paysans / C’'est l'’alarme!, Ohé partigiani, lavoratori e contadini / Questo è l'allarme! -– anche per la risolutezza dell'’invito alla lotta armata: «Camarades / Sortez de la paille / Les fusils, la mitraille, / Les grenades. / Ohé! les tueurs / A la balle et au couteau / Tuez vite! / Ohé! saboteur / Attention à ton fardeau / Dynamite». (Compagni / Fuori dalla paglia / I fucili, la mitraglia, / Le granate. / Ohé, uccisori all'arma bianca e da fuoco / uccidete presto! / Ohé! Sabotatore / Attento al tuo fardello / Dinamite).

Eppure tra i francesi un canto così cruento fu accettato nella sua rappresentazione simbolica del riscatto nazionale e non è mai stato seriamente contestato. Mentre in Italia una canzone particolarmente mite come Bella ciao ha continuato a lungo ad apparire come di parte. Tanto proterva è stata l’'avversione a riconoscere il merito storico di quei ribelli (banditen) che tra le macerie di una guerra perduta si sono battuti per ridarci la dignità di un popolo nemico delle tirannie.

Perciò direi che poco importa se l’'origine di Bella ciao è così controversa. Essa rimane la canzone più unitaria della nostra Resistenza e oltretutto si è conquistata una notorietà internazionale, al punto che se ti metti a canticchiarla in una qualsiasi città d'’Europa chiunque ti sorride riconoscendoti per italiano. Personalmente non è che mi piaccia molto tutta questa storia del seppellimento, del fiore sulla tomba e dei connessi saluti cimiteriali da parte dei viandanti. Ma il tono è stranamente allegro. E il primo verso –«stamattina mi sono alzato» –continua a riempirmi di orgoglio. Sono infatti convinto che allora, tanti anni fa, ci rialzammo in piedi con dignità e con coraggio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews