Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Due enormi massi si sono staccati dalla Timpa di Acireale
Non lontano dal crollo già fatti lavori di messa in sicurezza

Un distacco importante dalla parete rocciosa acese è finito su via Tocco, poco sopra il borgo marinaro di Santa Maria La Scala. Un episodio che fa tornare la questione del rischio idrogeologico a cui è esposto il territorio. Guarda le foto

Redazione

Ancora crolli nella Timpa di Acireale. Poco dopo mezzogiorno, due enormi massi e altri più piccoli si sono staccati dalla parete rocciosa e adesso intralciano via Tocco, zona a valle poco sopra il borgo marinaro di Santa Maria La Scala. Una situazione che si ripresenta, dopo il maltempo degli scorsi giorni, e che fa riemergere la questione del rischio idrogeologico a cui è esposto il territorio. A circa cinquanta metri dal punto che è stato interessato dal crollo, nei mesi scorsi, sono stati effettuati dei lavori di messa in sicurezza

Sul luogo del crollo sono intervenuti il sindaco Stefano Alì, l’assessore alla Protezione civile Salvo Grasso, il dirigente dello stesso settore Giuseppe Torrisi, il geologo Giuseppe Filetti in rappresentanza del Genio civile e i vigili del fuoco che hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area interessata. Il primo cittadino di Acireale sta lavorando a un'ordinanza con cui disporrà lo sgombero di alcuni immobili a ridosso della zona lungo la quale si è verificato il crollo. Con l'aiuto degli esperti, poi si procederà a verificare la stabilità dei massi che in seguito alla caduta si sono posizionati nei pressi di alcune abitazioni.

A settembre 2019, il cedimento era avvenuto all'altezza del Mulino e costretto diverse persone ad abbandonare le proprie abitazioni in via precauzionale. In realtà, poi non furono registrati danni a cose o persone. In passato, la Timpa acese era finita sotto i riflettori perché considerata una zona ad alto rischio idrogeologico in un provvedimento della Regione Siciliana. In seguito a questo erano stati apposti anche dei sigilli al solarium Bora Bora di Santa Maria La Scala. Dopo uno studio specifico, però, era arrivato un passo indietro dalla Regione con il declassamento del rischio idrogeologico per l'area.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×