Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I coperchi dei tombini rubati. Danni per 40mila euro
Comune: «Li vendono alle fonderie per pochi spicci»

Ennesimo atto di inciviltà che si trasforma in fenomeno. Tra le zone colpite dai furti ci sono il tondo Gioeni e il corso Indipendenza. «Rincorrere i ladri non serve a nulla», commenta il direttore dei Lavori Pubblici Salvatore Marra a MeridioNews

Gabriele Patti

Rubare i chiusini dei tombini e rivenderli alle fonderie sembra essere l'ennesimo atto di inciviltà che assume i contorni di vero e proprio fenomeno. Cinque caditoie della circonvallazione sono da qualche giorno senza coperchi. Al loro posto il Comune ha posizionato alcune transenne, legate con un nastro alle piante che fioriscono sul marciapiedi e a lampioni e pali della segnaletica verticale, per avvertire i pedoni del pericolo e prevenire possibili incidenti. Nei pressi del tondo Gioeni, dalla fontana che sorge al posto della rotonda rimossa dall'amministrazione Bianco, fino allo sbocco per via Passo Gravina e via Santa Sofia, le caditoie sono senza coperchio. «Se fossero solo questi i tombini divelti sarebbe un successo», lamenta a MeridioNews Giancarlo Origlio dell'ufficio Manutenzione stradale del Comune. 

Stando a quanto ricostruito da palazzo degli Elefanti, anche in corso Indipendenza molte caditoie sono rimaste senza copertura. «Lì i tombini sono senza coperchi, e molto probabilmente perché li hanno rubati», ipotizza il direttore dei Lavori pubblici Salvatore Marra, contattato telefonicamente da MeridioNews. «Atti di inciviltà che ormai costituiscono un fenomeno che non sappiamo come gestire - prosegue Marra - perché rincorrere i ladri non porta risultati, si dovrebbe riuscire a intercettare le fonderie in cui le portano». 

Un fenomeno, dunque, dalla dinamica ormai consueta: il furto dei coperchi e la vendita alle fonderie per racimolare qualche spicciolo. «Li rubano in cambio di cifre irrisorie», sostiene il direttore. Cifre che per la ghisa si aggirano intorno ai dieci centesimi al chilo. Ovvero il materiale prevalentemente utilizzato per i chiusini. Un guadagno irrisorio che però nelle casse comunali provoca «un danno di circa 40mila euro», stima Origlio.  

Dopo la tromba d'aria che nella serata di sabato ha colpito il villaggio di Santa Maria Goretti, adesso il Comune dovrà mettere una pezza anche a questa ulteriore grana. «Potremmo mettere a disposizione le somme solo con l'approvazione del bilancio 2020 - spiega Marra - perché per il 2019 siamo vincolati al bilancio stabilmente riequilibrato, ma non sono sicuro che riusciremo a reperire le risorse». Ergo: fino ai primi mesi del 2021 i tombini rimarranno scoperti e transennati.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×