Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gli aspiranti invisibili in fila all'Help center della Caritas
«Minorenni sfruttati in giri di spaccio e di prostituzione»

Hanno dai 13 ai 17 anni e cercano di mimetizzarsi, «nella speranza che nessuno chieda l'età», racconta a MeridioNews il responsabile Salvo Pappalardo. Entrare nelle loro storie è difficile. «Abbiamo imparato a non fare domande ma allertiamo la polizia»

Marta Silvestre

Foto di: mondo e missione

Foto di: mondo e missione

Aspiranti invisibili, eppure in fila per ricevere un pasto. Davanti alla sede dell'Help center della Caritas diocesana alla stazione centrale di Catania cercano di mimetizzarsi anche minori dai 13 ai 17 anni. «Spinti dalla necessità arrivano da noi - spiega a MeridioNews il responsabile Salvo Pappalardo - nella speranza che nessuno chieda loro l'età». E, invece, tra un piatto di pasta al pomodoro e una frittata con il formaggio, i volontari - superati i primi limiti linguistici - provano a capirne di più. «Nella quasi totalità dei casi si tratta di adolescenti stranieri originari della Nigeria, della Tunisia, del Marocco e dell'Eritrea, ma - afferma - capita anche che ci siano dei giovanissimi catanesi che provengono, per lo più, da quartieri di periferia». 

Entrare nelle loro storie di vita è difficile. «Ci sono soprattutto casi di minori stranieri non accompagnati scappati dalle strutture di accoglienza dove erano ospiti - racconta Pappalardo - Molti di loro non sappiamo dove vivano, perché la nostra unità di strada non li vede nemmeno in giro per la città». Complicato avere risposte da loro che «hanno un atteggiamento schivo e spesso si limitano a parlare a monosillabi». L'ipotesi del responsabile dell'Help center è che «siano entrati a far parte di una fascia a rischio in cui vengono sfruttati nello spaccio di sostanze stupefacenti i maschi e in giri di prostituzione minorile le femmine». 

In tutti i casi, la procedura adottata dagli operatori della Caritas è sempre la stessa: «Abbiamo imparato a non fare più domande - spiega - Innanzitutto rispondiamo ai loro bisogni primari e poi cerchiamo di intrattenerli». Il tempo necessario per fare in modo che arrivino le forze dell'ordine, «rigorosamente con le sirene spente perché - aggiunge - in alcuni casi, sentendo il rumore i ragazzi sono scappati». Una volta identificati, i minori vengono segnati ai Servizi sociali del Comune che si occupano di inserirli in strutture protette. «Ad agosto dello scorso anno di situazioni come queste ne abbiamo affrontate una ventina - dice Pappalardo - poi la voce si sarà sparsa e, pur di rimanere invisibili, vengono da noi sempre meno». 

Il conteggio di questi ragazzi e ragazze aspiranti invisibili è da tenere a parte rispetto ai 1018 interventi portati a termine dalla Caritas tra settembre e gennaio nei confronti di famiglie con minori. «In questi casi - spiega il responsabile - si tratta di nuclei che, anche a causa dell’emergenza sanitaria, si sono ritrovati in condizioni di estrema difficoltà economica». Pannolini, omogeneizzati, latte in polvere, pastina e salviettine detergenti sono tra le cose più richieste, insieme a matite, quaderni e diari nel periodo della riapertura delle scuole. «Ad avere più bisogno del nostro supporto - dice Pappalardo - è stata soprattutto la comunità senegalese seguita dalle richieste di famiglie italiane, decisamente in crescita nell'ultimo periodo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×