Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I motivi del reintegro di Pogliese a sindaco di Catania
Dubbi sulla durata fissa della sospensione dalla carica

Per il tribunale non è infondato il rilievo in merito alla mancata possibilità, nell'applicazione della legge Severino, di quantificare i termini dello stop per i condannati. Cassati invece tutti gli altri motivi del ricorso. A decidere sarà la Corte costituzionale

Simone Olivelli

Auguri di una fruttuosa ripresa dell'attività amministrativa e comunicati che salutano la restituzione di «quanto illegittimamente gli era stato tolto». Le caselle di posta delle redazioni giornalistiche da ore accolgono le reazioni di chi ha accolto con soddisfazione la notizia del reintegro a Palazzo degli elefanti di Salvo Pogliese che, da oggi, potrà tornare a fare il sindaco di Catania. La decisione, presa dalla prima sezione Civile del tribunale di Catania, segue un ricorso presentato dai legali del primo cittadino per contestare la legittimità della sospensione disposta dalla prefettura in seguito alla condanna in primo grado per peculato. Oltre quattro anni, per avere usato in maniera non consona, ai tempi dell'esperienza all'Assemblea regionale, le somme destinate ai gruppi parlamentari. Nel mirino dei difensori di Pogliese è finita la legge Severino, ovvero la norma con cui nel 2012 l'allora governo guidato da Mario Monti tentò di mettere un argine agli episodi di corruzione all'interno della pubblica amministrazione. 

Nello specifico sono sette i motivi di illegittimità evidenziati dagli avvocati Eugenio Marano, Claudio Milazzo - firmatari del ricorso - e Felice Giuffrè, che hanno assistito Pogliese. Si va dalla contestazione del fatto che a emettere il provvedimento di sospensione sia stata la prefettura a una questione di competenze tra Stato e Regioni, dalla non validità della legge per i parlamentari nazionali ed europei alla messa in discussione del principio di non colpevolezza. Di fatto, però, il tribunale ha ritenuto quasi tutti i rilievi dei legali «manifestamente infondati», a eccezione di quello riguardante l'entità fissa della sospensione prevista dalla legge Severino: 18 mesi

«La sospensione delle funzioni - si legge nell'ordinanza emessa dal tribunale - costituisce una misura cautelare a protezione dell'ente. Consegue l'esigenza di una verifica dell'entità del pregiudizio, che all'ente deriva in concreto da quei comportamenti, e di una valutazione complessiva dei contrapposti interessi. La mancata ponderazione - proseguono i giudici - di questi interessi in gioco ai fini della determinazione dell'entità della sospensione entro un limite massimo conduce a un sospetto di non manifesta infondatezza della questione di costituzionalità». 

Per il tribunale etneo, che ha incaricato la Corte costituzionale a esprimersi nel merito, non si può escludere quindi che l'impossibilità di determinare una sospensione proporzionata ai fatti imputati a Pogliese mette in dubbio la costituzionalità della norma. E questo è il motivo che ha portato i giudici ad annullare in via cautelare la misura comminata al sindaco a luglio. «È da ritenere che sussista, altresì, anche il periculum in mora - si legge nell'ordinanza -. L'applicazione del provvedimento prefettizio di sospensione, laddove fossero fondati i dubbi riguardo alla legittimità costituzionale, comporterebbe un'indebita ed eccessiva restrizione all’esercizio dell’elettorato passivo e del libero svolgimento del mandato elettorale, con conseguente danno per Pogliese non riparabile né risarcibile».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×