Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Riposto, manifesti sul muro della legalità
Il candidato Caragliano: «Subito rimossi»

Fa della pulizia nel Comune della fascia ionica uno dei temi di punta delle sua campagna elettorale in vista delle prossime amministrative. Eppure i volantini del candidato sindaco Enzo Caragliano sono stati fotografati sul muro della scuola Colajanni. Non solo in un luogo non autorizzato, ma soprattutto a coprire parzialmente i murales antimafia disegnati dai ragazzi di 40 scuole etnee cinque anni fa. «Appena mi hanno avvertito, li ho subito fatti staccare», si difende l'ex assessore. Guarda le foto

Claudia Campese

Uno tra i principali problemi di Riposto, Comune della fascia jonica del Catanese, è la pulizia. Lo ripete più volte nelle interviste rilasciate in queste settimane di campagna elettorale Enzo Caragliano, candidato a sindaco alle prossime consultazioni amministrative.  Tanto da essere appoggiato dagli ecologisti del Fronte verde indipendente siciliano. Eppure i suoi manifesti elettorali - immortalati da un cittadino - fino a stamattina campeggiavano abusivamente sul muro dell'istituto tecnico per geometri Napoleone Colajanni di Riposto. E hanno fatto il giro delle pagine online dedicate al paese e di alcuni gruppi politici locali. Una parete, quella della scuola Coalajanni, diversa dalle altre perché ricoperta di murales antimafia disegnati nel 2008 dai ragazzi di 40 scuola etnee e ribattezzato per l'occasione il muro della legalità. «I manifesti sono già stati rimossi - rassicura il candidato - Appena me l'hanno segnalato, ho chiamato la ditta che è subito venuta da Messina per staccarli». A difenderlo sono anche i promotori dello stesso murale, che assicurano: «Si è trattato di un errore della ditta, non vogliamo che la vicenda venga strumentalizzata».

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×