Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un murale per la sicurezza stradale
Writers siciliani all'opera a San Leone

Hanno iniziato questa mattina a disegnare il muro che, provenendo dall'asse attrezzato in direzione corso Indipendenza, gli automobilisti catanesi si trovano sulla sinistra. Lo scopo è raccomandare la prudenza a tutti coloro che non rispettano i limiti del codice stradale. «In questo punto troppe persone sono morte o hanno avuto incidenti per l'alta velocità e quindi abbiamo deciso di lanciare un messaggio attraverso l'arte», dice l'organizzatore Angelo Patanè. Guarda le foto

Desirée Miranda

Un grande murale per richiamare l’attenzione sul problema della sicurezza sulle strade è da questa mattina in preparazione in uscita dall’asse attrezzato per corso Indipendenza. Una zona ad alta densità di traffico dove «purtroppo hanno perso la vita molte persone perché la gente corre, anche se non ce n’è motivo considerato che devono immettersi in città - spiega Angelo Patanè, consigliere della VIII municipalità che, insieme all'associazione Merito e Cambiamento di cui fa parte, ha organizzato l’evento - Anche io ho avuto un lutto in questa strada». Per attirare l’attenzione di quanti non rispettano le norme della strada gli organizzatori hanno deciso di realizzare un murale a più mani che, una volta terminato, sarà composto dai nomi degli autori, le loro tag - firme con i loro nomi d'arte - e soprattuto immagini di incidenti stradali che, promettono, saranno d'impatto. «Il messaggio deve essere chiaro: andate piano», aggiunge Patanè.

A realizzare l'opera sono undici writers siciliani contattati per l’occasione dal consigliere. La presentazione doveva essere fatta oggi ma, a causa del mal tempo, è stata rinviata. Non il loro lavoro però. Sul posto, a dare una prima mano di quarzo bianco per fare da base si trovano GuèPok, Ila e Loma. «Il muro è di 150 metri quadri, quindi ognuno avrà uno spazio di circa quattro metri quadri per la sua creazione. Il tutto comunque avrà un suo equilibrio e degli elementi chiave di collegamento come ad esempio i segnali stradali», spiega Ila tra una passata con il rullo e un’altra. «Fondamentali saranno poi i colori, caldi», continua Loma, l’unica ragazza a lavoro ma con un'esperienza nel mondo dei graffiti fin da adolescente.

Seppure coinvolti in una iniziativa politica agli street artist importa soltanto il messaggio che si vuole trasmettere e la possibilità di disegnare liberamente, senza incorrere in sanzioni. Tanto da farlo gratuitamente: ai quattro, infatti, vengono soltanto fornite le attrezzature.  «È davvero difficile ottenere un muro legalmente e, quando ne abbiamo l’occasione, non la possiamo fare scappare. Questo è un muro importante che diventerà parte dell’arredo urbano e tramite cui trasmettiamo un messaggio altrettanto importante. Non ci importa della parte politica», dichiara Pok. «La città alla fine dà il merito a chi dipinge», aggiunge Guè.

Il muro è molto grande e riempirlo di colori significa di certo catturare l’attenzione del guidatore. Pochi dubbi quindi sulla possibilità che il messaggio venga colto dai conducenti, ma questo potrebbe anche distrarli provocando l’effetto opposto. «In effetti potrebbe - ammette Guè - ma speriamo che rallentino prima come dovrebbero».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews