Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'idea del percorso delle cupole e il biglietto unico
Per unire la chiesa di San Nicolò l'Arena e la Badia

Un atto d'indirizzo di Palazzo degli elefanti per un ticket, valevole tre giorni, per permettere una gestione integrata dei due beni culturali. Previsti anche 42mila euro per il restauro dei portoni d'ingresso della chiesa a piazza Dante

Redazione

Foto di: Oresto Lo Basso

Foto di: Oresto Lo Basso

«Il percorso delle cupole». Potrebbe essere questo il nome per unire a livello turistico la chiesa di San Nicolò l'Arena, a piazza Dante, e la chiesa delle Badia di Sant'Agata, lungo via Vittorio Emanuele. L'idea, finita nero su bianco in una delibera di giunta dello scorso 2 dicembre, sarebbe quella di creare un biglietto unico per permettere la visita di entrambi gli edifici. Sei euro con un tagliando con validità tre giorni «auspicando una forma di turismo meno mordi e fuggi», si legge nel documento firmato dal vicesindaco Roberto Bonaccorsi. A proporre l'iniziativa, oltre a Paolo Di Caro - direttore della direzione Cultura -, c'è una nota inviata a febbraio a Palazzo degli elefanti da padre Massimiliano Parisi, rettore della chiesa della Badia di Sant'Agata. 

Il tariffario attuale prevede un biglietto al costo di cinque euro per visitare la Badia di Sant'Agata, mentre sono tre gli euro necessari per l'ingresso a San Nicolò l'Arena, ridotto a un euro per le scolaresche. Stando ai numeri forniti dal rettore entrambe le realtà verrebbero visitate da circa cento persone ogni giorno. «Il biglietto cumulativo permetterebbe di visitare i due siti turistici - si legge nella delibera - e, inoltre, se esibito al museo civico del castello Ursino, darebbe diritto a una visita con tagliando ridotto».

Per il Comune di Catania l'intesa con l'arcidiocesi potrebbe essere un primo passo verso una gestione integrata dai beni culturali presenti in città. «Il presente atto - continua il documento - non comporta spese per l'amministrazione ma verosimilmente integrando i percorsi di visita aumenterà il numero di visitatori per i siti comunali». Oltre al biglietto unico la giunta comunale ha deliberato un atto di indirizzo politico per il restauro dei portoni d'ingresso della chiesa di piazza Dante. Una somma di 42mila euro, provenienti dalla tassa di soggiorno, per «un intervento urgente di restauro a causa del degrado del materiale ligneo che pone un grave pregiudizio alla struttura e al valore estetico del manufatto». In programma anche il ripristino di alcuni gradoni di accesso alla chiesa. 

La chiesa della Badia di Sant'Agata, realizzata dall'architetto Giovanni Battista Vaccarini, ha affrontato l'ultimo restauro nel 2010 dopo i danni causati dal terremoto del 1990. Nel 2012 l'edificio è stato riaperto a turisti e fedeli mentre dal 2015 è attivo il camminamento della cupola.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×